Connect with us

Serie A

Cagliari, Ranieri sorride verso la Lazio: “Nandez è recuperato”

Published

on

dichiarazioni Ranieri in conferenza stampa

Le dichiarazioni in conferenza stampa del tecnico del Cagliari Claudio Ranieri in vista della gara valida per il quattordicesimo turno di Serie A contro la Lazio.

Il Cagliari si appresta a sfidare la Lazio nella gara valida per la 14ª giornata di Serie A. Il match è in programma all’Olimpico sabato 2 dicembre alle 18:00. In vista della gara contro i biancocelesti, l’allenatore dei sardi Claudio Ranieri ha parlato in conferenza stampa. Di seguito ecco un estratto delle sue dichiarazioni.

Cagliari, Ranieri: “Rispetto per la Lazio, ma nessuna paura”

conferenza stampa Ranieri

“Ho recuperato Nandez che si è aggregato in gruppo anche se è normale che non sia al 100%. Lui ha sposato la causa cagliaritana, io non parlerò mai di mercato ma so che lui vuole rimanere a Cagliari ed è concentrato su questo. Se poi dovesse andare via lo ringrazieremo per quello che ha fatto”.

“Non ho ancora scelto chi giocherà a centrocampo contro la Lazio, mi prenderò un’altra giornata di tempo per decidere. Ho diverse soluzioni e potrei stravolgere tutto in base alle caratteristiche dei giocatori che ho. Sono sicuro che tutti comunque si faranno trovare pronti”.

“Lapadula invece mi dice sempre che sta benissimo. Chiaramente non è così, non può essere al 100% dopo uno stop lungo quattro mesi. Si sta allenando da una decina di giorni al top ma non è ancora al massimo della forma”.

“La Lazio è una squadra che ha grandi campioni, che viene da una sconfitta pesante come quella subita a Salerno e che sicuramente si vorrà rifare davanti ai propri tifosi. Immagino che lo stadio sarà molto caldo. Noi abbiamo grande rispetto per i biancocelesti ma non abbiamo nessuna paura, andremo all’Olimpico per giocare la nostra partita”.

“Per me quello di sabato non sarà un derby. Non conta quando affronto la Lazio alla guida di un’altra squadra. Ho sempre rispettato molto i biancocelesti, il trasporto che avevo quando allenavo la Roma era diverso”.