Connect with us

Calciomercato

Calciomercato Lazio: i nomi per la rivoluzione di Sarri nella prossima stagione

Published

on

Calciomercato Lazio

È sempre calciomercato in casa Lazio. Anche se la sessioni di acquisti e cessioni è ancora lontana, la società capitolina sta già progettando la squadra da mettere a disposizione del tecnico Maurizio Sarri per la prossima stagione. I biancocelesti, reduci dalla sconfitta all’ultimo minuto contro il Milan in Serie A, devono ancora centrare gli obiettivi stagionali, ma stanno già riflettendo su quella che sarà la Lazio 2022-2023. Sono tanti i nomi da tener d’occhio in estate, per quella che si preannuncia come una vera  e propria rivoluzione. La Gazzetta dello Sport nell’edizione odierna ha provato a fare il punto della situazione.

Calciomercato Lazio

(Photo by Marco Rosi – SS Lazio/Getty Images)

Calciomercato Lazio: via alla rivoluzione

La prima cosa da sistemare in casa Lazio durante la prossima sessione di calciomercato sarà quella che riguarda il ruolo del portiere. Thomas Strakosha saluterà la Capitale a parametro zero ed i biancocelesti puntano forte su Sergio Rico di proprietà del Psg. Il portiere spagnolo è attualmente in prestito al Maiorca in Liga. Francesco Acerbi è ormai in rottura totale con l’ambiente e saluterà, al suo posto pronti gli arrivi di Alessio Romagnoli che si svincolerà dal Milan e Nicolò Casale dall’Hellas Verona. A centrocampo probabile la partenza di un punto fermo come Milinkovic-Savic. Il tecnico Maurizio Sarri pare abbia richiesto espressamente l’arrivo di Leander Dendoncker dal Wolverhampton, la società laziale sta tastando anche le disponibilità dei vari Vitinha del Porto e Maxime Lopez del Sassuolo. In attacco caccia ad un vice-Immobile, piace Francesco Caputo della Sampdoria. Infine. stuzzica l’idea Ola Solbakken il norvegese che così bene ha fatto anche a livello europeo con la maglia del Bodø/Glimt. Il classe 1998 è un’ala destra e la sua valutazione di mercato non supera i 4 milioni di euro al momento. Cifra che stuzzica e non poco le fantasie della dirigenza biancoceleste.