Coppa Italia, Balata: “Come in FA Cup, club Serie B e C giochino in casa”

Il Presidente della Lega Serie B propone una riforma sul modello inglese della FA Cup, dove sono le squadre con ranking più basso a giocare in casa.

11/05/2022

08:30

• Tempo di lettura: 1 minuto

Tempo di lettura: 1 minuto

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Il Presidente della Lega Serie B, Mauro Balata, ha parlato della possibilità di fare una riforma del format della Coppa Italia per avvicinarsi al modello inglese della FA Cup. Come riportato dal Corriere dello Sport, il n. 1 del campionato cadetto italiano, ha dichiarato a margine di un evento delle Fiamme Gialle della possibilità di cambiare la coppa nazionale: “Invertendo il fattore dei campi si potrebbe generare grande entusiasmo e portare tantissimo pubblico negli stadi, rendendolo un prodotto di maggiore appeal come accade nei Paesi anglosassoni”.

L’idea di Balata sarebbe questa: nel primo turno di inizio agosto, nei trentaduesimi, nei sedicesimi, arrivando fino ad ottavi e quarti, ad ospitare la partita in gara secca sarebbe la formazione con un ranking inferiore. Ad esempio le sfide dei trentaduesimi di Coppa Italia dell’attuale stagione, come Genoa-Perugia, Fiorentina-Cosenza o Cagliari-Pisa, si giocherebbero a campi invertiti, favorendo l’equilibrio della competizione. Il Presidente della Lega Serie A Casini aveva comunque dichiarato due giorni fa che “non è previsto un cambio immediato”, anche se aveva aperto alla possibilità di una discussione in futuro.