Connect with us

Serie A

Torino-Juventus, da qui passano le sorti del campionato bianconero

Published

on

derby della mole

Il derby della Mole non sarà mai un match come gli altri. E se a tutto ciò ci aggiungiamo il fatto che, sarà probabilmente il Torino-Juventus più imprevedibile degli ultimi dieci anni, non può che non essere una partita speciale. La sfida numero 207 tra granata e bianconeri mai come oggi è così cruciale per il cammino della Vecchia Signora, ormai fuori dalla Champions League e con l’obiettivo Scudetto sempre più lontano. Per il Torino, invece, la grande occasione di fare il colpaccio e regalare una gioia incontenibile al popolo granata.

Juventus, il derby della Mole per ripartire o sarà notte fonda

derby della mole

(Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

La stagione della Juventus, fin qui, è stata inevitabilmente fallimentare. Un inizio così in pochi se lo aspettavano. Al momento i bianconeri annaspano all’ottavo posto in classifica con 13 punti, a meno dieci dalla vetta e meno sette dalla zona Champions League. I soli 12 gol fatti relegano i bianconeri come il quinto peggior attacco della Serie A, mentre, difensivamente, le reti incassate sono sempre poche: sette. Oggi alle ore 18:00 la squadra di Massimiliano Allegri si gioca tutto, nel vero senso della parola. Il derby della Mole sarà il match da cui ripartire o sprofondare una volta per tutte. Sì, perché in caso di ennesima sconfitta le motivazioni saranno ancor più sottoterra, soprattutto dopo il ritiro imposto dal tecnico, e non apprezzato a pieno dai giocatori.

Torino, è il derby più ghiotto degli ultimi otto anni

derby della mole

(Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Mai come ora il Torino ha un’occasione così ghiotta per provare a fare il colpaccio contro la Juventus. I granata, storicamente sfavoriti nella sfida contro i bianconeri, non vincono il derby da ben otto anni, dalla stagione 2014/15. Quale miglior occasione per provare a strappare i tre punti davanti al proprio pubblico contro gli acerrimi rivali? Nonostante qualche defezione il Torino gode di qualità eccelsa in attacco, con Vlasic, Miranchuk e Radonjic pronti a far ammattire la difesa bianconera. Juric lo sa e avrà motivato i suoi uomini, che saranno pronti a colpire.

Torino-Juventus, le statistiche e i precedenti

Di seguito ecco le statistiche e i precedenti del derby della Mole, dal sito della Lega Serie A.

  • La Juventus ha perso soltanto una delle ultime 32 sfide di Serie A TIM contro il Torino (23V, 8N) –
    sconfitta arrivata il 26 aprile 2015, con la rete di Andrea Pirlo che venne rimontata dai gol
    granata di Matteo Darmian e Fabio Quagliarella.
  • L’ultimo clean sheet del Torino contro la Juventus in Serie A TIM risale al 26 febbraio 2008,
    quando la squadra allora allenata da Walter Novellino pareggiò 0-0 contro i bianconeri di Claudio
    Ranieri – da allora la Vecchia Signora ha realizzato 40 reti in 22 Derby (1.8 di media a match).
  • Dopo il pareggio per 1-1 nel girone di ritorno dello scorso campionato, il Torino potrebbe restare
    imbattuto per due sfide consecutive di Serie A TIM contro la Juventus per la prima volta dal
    2001/02 (due pareggi con Giancarlo Camolese in panchina).
  • Solo due successi per il Torino nelle ultime 12 partite giocate in casa in Serie A TIM (5N, 5P) – in
    particolare, i granata non hanno trovato la via del gol in cinque delle ultime otto (potrebbero
    segnare in due incontri interni di fila per la prima volta dallo scorso marzo).
  • I 13 punti nelle prime nove gare stagionali di Serie A TIM sono per la Juventus un record negativo
    dal 2015/16 (12 in quell’occasione), trend che in quella stagione cambiò proprio contro i granata
    (all’11ª giornata, la prima di una serie di 15 vittorie consecutive).
  • La Juventus non ha vinto nessuna delle ultime sei trasferte di Serie A TIM (2N, 4P) e non arriva a
    sette di fila da agosto 2010 – risale inoltre sempre a 12 anni fa l’ultima striscia di tre sconfitte
    esterne consecutive in campionato (quattro nell’aprile 2010).
  • La Juventus è la squadra che ha segnato in percentuale più gol nel primo quarto d’ora di partita in
    questa Serie A TIM (25% – 3/12), mentre il Torino non ha ancora trovato la rete in questo parziale
    di gara (la marcatura più rapida granata finora è stata quella di Nikola Vlasic al 17′ contro la
    Cremonese).