Empoli, Corsi: “Asllani all’Inter? Sarà un’emozione vederlo in Champions”

Il presidente dell'Empoli, Fabrizio Corsi, ha rilasciato importanti dichiarazioni su Kristjan Asllani, Vicario e non solo. Le sue parole.

24/06/2022

09:03

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Il presidente dell’Empoli, Fabrizio Corsi, si è lasciato andare ad importanti dichiarazioni sul suo club. Parlando a Radio Sportiva, il patron dei toscani ha detto la sua sul futuro di Kristjan Asllani, di Guglielmo Vicario e sulla scelta di cambiare allenatore, passando da Andreazzoli a Zanetti. Di seguito le sue parole.

Empoli, le parole di Corsi

Corsi Empoli
(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Sul cambio in panchina

“Siamo orientati sul futuro, è il momento di sbagliare il meno possibile. Al di là del senso di gratitudine che abbiamo nei suoi confronti e del lavoro svolto da Andreazzoli, abbiamo pensato che fosse la scelta migliore cambiare metodi di lavoro per evitare un senso di appagamento nella squadra. Non abbiamo scelto Zanetti così, giocandoci un jolly, ma attraverso una serie di valutazioni. L’anno prossimo sarà ancora più difficile, dovremo allestire una squadra all’altezza, oggi abbiamo il 60% di probabilità di retrocedere o per qualcuno siamo già in B, dovremo guadagnarci tutto con scelte azzeccate e lavoro dello staff”.

Su Asllani all’Inter

“Pochi giorni fa ci siamo visti con il babbo di Kristjan. Traspariva la felicità, ma anche grande dispiacere nel lasciare la nostra realtà, dove è da quando ha otto anni. Ci siamo lasciati con emozione e commozione, ora farà un percorso per dimostrare di essere all’altezza dell’Inter. Sarà un’emozione vederlo giocare in Champions League. Il pensiero va a mio padre che prese Benito Lorenzi a Empoli e poi lo accompagnò all’Inter”

Sul futuro di Vicario

“Abbiamo l’idea di confermarlo, non sappiamo quello che può proporre il mercato. Si leggono tante cose, vere poi ce ne sono la metà. La preoccupazione è eventualmente trovare un sostituto all’altezza. Credo che Guglielmo sia avanti, a parte Donnarumma, agli altri portieri convocati in Nazionale. Lo ha dimostrato con una crescita e un rendimento incredibile, è il portiere che ha fatto più parate in Europa. Se dovesse vestire una maglia più importante sarebbe una spinta in più per la Nazionale, ma egoisticamente lo vorrei ancora all’Empoli”.