Everton-Arsenal, l’ultima vittoria dei Gunners a Goodison Park

L'Arsenal sta continuando la sua stagione da montagne russe e nella trasferta contro l'Everton deve tirare fuori gli artigli.

06/12/2021

10:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

LIVERPOOL, ENGLAND - DECEMBER 19: David Luiz of Arsenal pushes Richarlison of Everton during the Premier League match between Everton and Arsenal at Goodison Park on December 19, 2020 in Liverpool, England. A limited number of fans (2000) are welcomed back to stadiums to watch elite football across England. This was following easing of restrictions on spectators in tiers one and two areas only. (Photo by Peter Powell -

A un certo punto della stagione l’Arsenal sembrava veramente candidata a un possibile ritotno tra le grandi del calcio inglese, ma le sconfitte negli scontri diretti con Liverpool e Manchester United ne hanno ridimensionato il valore. I Gunners dunque sono costretti a inseguire e il loro andamento molto negativo negli scontri diretti li obbliga a non poter sbagliare con le altre squadre, anche se la trasferta di Liverpool con l‘Everton non è mai delle più comode. I Toffees si trovano però incredibilmente al quint’ultimo posto in classifica e vogliono rialzarsi, sperando di non subire un’umiliazione come nell’ultima vittoria Gunners.

Era il 22 ottobre 2017 e a Goodison Park arrivò l’Arsenal di Arsène Wenger intenzionata a portare a casa i tre punti, ma l’inizio fu di marca blu. Wayne Rooney di destro trovò lo spiraglio per battere Čech, ma a fine primo tempo arrivò il meritato pareggio londinese con Nacho Monreal. La ripresa iniziò non più sotto il segno dell’equilibrio, ma di un dominio Gunners che volle mandare in gol quanti più uomini possibili. Mesut Özil ribaltò il risultato con un colpo di testa, il destro Lacazette superò Pickford e al novantesimo ci fu gloria anche per Aaron Ramsey. Nel recupero però arrivarono altri due gol con Niasse per i padroni di casa e con Alexis Sánchez per gli ospiti.

LEGGI ANCHE: Premier League: Cr7 fa 800 in carriera e stende l’Arsenal