Fiorentina, Piatek: “Io e Vlahovic possiamo giocare insieme”

La conferenza stampa di presentazione di Piatek alla Fiorentina, in cui ha dovuto spiegare il rifiuto al Genoa.

08/01/2022

15:07

• Tempo di lettura: 4 minuti

Tempo di lettura: 4 minuti

(Photo by Stefan Puchner - Pool/Getty Images)

L’introduzione è del ds Daniele Pradè:

Siamo contenti di essere qui, di presentare Piatek. Sarà la sua giornata, importante vogliamo parlare solo di lui ma faccio una premessa per fare domande solo a riguardo. Prima cosa, parlo di mercato: ci sono state tantissime voci in questi giorni su Isco del Real Madrid. Non sappiamo neanche chi siano gli agenti. Non siamo interessati, è fortissimo ma non c’è niente. Tranquillizzo chi ci ha cercato in questi giorni. Seconda cosa: siamo stati rapidi a fare quelle due cose che ci servivano fortemente, l’esterno per completare il reparto e Piatek perché ci serviva un’altra punta. Tutto quello che faremo da qui alla fine è cercare di trovare soluzioni intelligenti per quei giocatori poco contenti del poco minutaggio che hanno. Siamo contentissimi: l’abbiamo voluta fortemente, è stata ‘sotterranea’ su cui siamo stati tutti le feste. E’ capitata l’opportunità di prenderlo, è venuto qualche giorno in Italia: lo abbiamo incontrato con Barone e abbiamo visto la sua determinazione nello sceglierci. Aveva altre cose avviate in maniera conclusiva, è stato importante prenderlo e siamo molto contenti. Spero che le attenzioni siano solo per lui“.

Tocca a Piatek, che parte dalle motivazioni sulla scelta di vestire la maglia della Fiorentina rispetto al Genoa :

Non voglio parlare tanto del Genoa. E’ una squadra sempre nel mio cuore, ho fatto tante cose belle lì, ora sono alla Fiorentina e sono felice. Ho tanta voglia di dimostrare il mio valore: penso che questo progetto sia un grande progetto, la squadra gioca un calcio offensivo e per me è importante. Sono un attaccante e qui per segnare“.

Cosa si deve aspettare Firenze?
La Fiorentina gioca in modo offensivo, io sono un giocatore che fa gol e che aiuta la squadra. Giochiamo 4-3-3, con una punta, ma per me è importante dimostrare in allenamento il mio valore per far cambiare idea all’allenatore“.

Hai parlato di Firenze con Jovetic?
E’ un amico, con lui ho un grande rapporto. Mi ha detto solo cose positive della Fiorentina, sono qui anche per questo. Sono davvero molto felice, sono tornato in Italia dove ho fatto tante cose importanti“.

I gol sono l’arma per tornare, per mettere il mirino al riscatto da parte della Fiorentina?
E’ tornato il Pistolero ‘on fire’… Voglio dimostrare e mostrare le mie pistole qui al Franchi, vedremo quel che succederà“.

Quanto ti deve temere Vlahovic?
E’ un grande attaccante, io ho fatto 30 gol in una stagione. Sono un giocatore che fa gol, anche lui è un grande talento con tanto potenziale. Possiamo giocare anche insieme“.

L’obiettivo è l’Europa?
La strada è giusta: vediamo, tutto è possibile“.

Perché il 19?
Al Milan con questa maglia ho fatto tanti gol, è una maglia importante“.

Pensa di poter giocare anche al fianco di Vlahovic?
Giochiamo 4-3-3 ma al mister piace cambiare sistema. Sono pronto per giocare titolare e aiutare la squadra dalla panchina“.

Come ti ha convinto la Fiorentina?
E’ importante tornare in Italia per me. Sono qui, sono alla Fiorentina: per me è stata una bella offerta, credo che qui ci sia futuro. Voglio restare qui, prima però devo dimostrare tutto in campo. Voglio farlo e vediamo“.

Ha parlato con Dragowski?
Sì, certo, ho parlato di cosa ci sia qui di positivo e ho sentito solo cose buone da tutti. Faremo qualcosa di incredibile”.

Che differenze ci sono tra Serie A e Bundesliga?
Qui c’è tanta tattica, in Germania le squadre sono aperte in fase difensiva. Giochi in profondità e c’è spazio per segnare: qui le linee sono vicine alla porta, è difficile attaccare la profondità. Io ho segnato di più qui, ma è più facile segnare quando sei in una grande squadra“.

Ti senti all’altezza di Lewandowski e Milik in Nazionale?
Sono qui per questo: voglio giocare in Nazionale, voglio fare tante cose importanti lì. Ci sono Lewandowski e Milik ma posso giocare con loro in campo. Vediamo quel che accadrà: ci sono i play-off contro la Russia e voglio esserci in forma“.

Quanto sei cresciuto calcisticamente e umanamente dal 2018 a oggi?
Sono un calciatore migliore, sono sicuro. Ho più esperienza, ho più valori“.

Correlati

15:43

12/08/2022

Si appresta a ricominciare il campionato. Domani sera, alle 20:45, i vicecampioni d’Italia dell’Inter se la vedranno...

Si appresta a ricominciare il campionato. Domani sera, alle 20:45, i vicecampioni...

15:43

12/08/2022

15:40

12/08/2022

Julian Nagelsmann non ha intenzione di schierare Matthijs De Ligt. Nella conferenza stampa di vigilia della seconda gara di...

Julian Nagelsmann non ha intenzione di schierare Matthijs De Ligt. Nella conferenza...

15:40

12/08/2022

Serie A

15:43

12/08/2022

Si appresta a ricominciare il campionato. Domani sera, alle 20:45, i vicecampioni d’Italia dell’Inter se la vedranno...

Si appresta a ricominciare il campionato. Domani sera, alle 20:45, i vicecampioni...

15:43

12/08/2022

15:20

12/08/2022

Il tecnico della Sampdoria Marco Giampaolo presenta la sfida che aprirà la Serie A blucerchiata. Sabato alle 18.30 a Marassi...

Il tecnico della Sampdoria Marco Giampaolo presenta la sfida che aprirà la Serie A...

15:20

12/08/2022