Gravina sulle Asl: “L’Italia non sta facendo bella figura”

09/11/2020

16:12

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

Nel mondo del calcio continua a tenere banco l’intervento di alcune Asl che hanno disposto il blocco agli spostamenti di alcuni calciatori. A margine del consiglio federale andato in scena oggi, sull’argomento è intervenuto il presidente della FIGC, Gabriele Gravina. Ecco le sue dichiarazioni:

Sono molto preoccupato per il mancato coordinamento da parte di alcune Asl, perché la mancata disponibilità di calciatori a livello internazionale comporta delle sanzioni. Ci siamo mossi con i ministri competenti. L’Italia da questo punto di vista non sta facendo una bella figura a livello internazionale“.

E poi ancora: “Non è bello avere pressioni da altre federazioni in questo momento in cui, invece, dovremmo dare un segnale di partecipazione. Siamo l’unica federazione in Europa che ha problemi di questo tipo“.

Gravina, ha dunque sottolineato come la mancanza di uniformità da parte delle Asl, rechi un danno evidente all’attività complessiva del calcio italiano, che espone tra l’altro, il nostro Paese a chiare ed evidenti criticità nei rapporti con le altre federazioni. Il presidente, in chiusura, ha anche evidenziato gli sforzi sostenuti dalla FIGC e dai club per garantire la massima sicurezza per tutti gli atleti ed addetti ai lavori. Ciò ha riguardato anche e soprattutto gli sforzi compiuti per l’organizzazione e la conseguente disputa delle gare internazionali, alle quali le squadre italiane hanno partecipato nei primi mesi dell’attuale stagione sportiva.