Inter-Juventus, Allegri: “Giocato bene contro la squadra più forte del campionato”

Ecco le parole di Massimiliano Allegri al termine di Inter-Juventus, partita valida per la finale di Supercoppa Italiana.

13/01/2022

00:19

• Tempo di lettura: 1 minuto

Tempo di lettura: 1 minuto

(Photo by MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Al termine della finale di Supercoppa tra Inter e Juventus l’allenatore dei bianconeri Massimiliano Allegri è intervenuto ai microfoni di Mediaset. Queste le sue parole:

“Era un buon test per noi. I ragazzi hanno fatto una buona partita ma sembra che il calcio lo abbia inventato il diavolo. Abbiamo affrontato la squadra più forte della Serie A. Nei primi 10 minuti hanno avuto il sopravvento ma poi abbiamo giocato bene. E’ una sconfitta che brucia, però sono cose in cui va visto il positivo. Siamo in crescita e ora bisogna pensare al campionato. C’erano intenti di voler fare. Sono contento della prestazione di Rugani, anche Alex Sandro, a accezione dell’ingenuità finale, è tornato quello della normalità. Dybala? Siccome abbiamo rischiato di farlo giocare più partite, dopo l’infortunio dovevo tenerlo fuori. Con la Roma ne ha fatti 86 e non li aveva. Stasera aveva solo 60 minuti e dovevo decidere se prima o dopo, visti i supplementari. Dopo i primi 10 minuti abbiamo giocato bene e tenuto bene il campo. Ho fatto i complimenti ai ragazzi per la loro partita. Poi è giusta la rabbia, vedere festeggiare i giocatori avversari dopo aver vinto con un gol negli ultimi secondi”. 

LEGGI ANCHE: Coppa d’Africa, la Costa d’Avorio batte 1-0 la Guinea Equatoriale

Correlati

22:00

12/01/2022

Il Barcellona continua a monitorare attentamente la situazione legata a Edinson Cavani, con l’obbiettivo di dare a Xavi un...

Il Barcellona continua a monitorare attentamente la situazione legata a Edinson...

22:00

12/01/2022

21:50

12/01/2022

Allegri mischia le carte e schiera Alex Sandro, Rabiot e Kulusevski dal 1’ rispetto alle previsioni della vigilia, Inzaghi...

Allegri mischia le carte e schiera Alex Sandro, Rabiot e Kulusevski dal 1’...

21:50

12/01/2022