Connect with us

Champions League

Inter, Marotta: “Partita per tutelarci. Mercato? Presto per parlare”

Published

on

Inter Marotta

L’amministratore delegato dell’Inter Giuseppe Marotta è intervenuto ai microfoni di Mediaset Infinity a pochi minuti dal match contro il Benfica, valido per la quinta giornata della fase a gironi di Champions League. 

Una partita da vivere più rilassati ma sempre con la giusta concentrazione che una sfida di Champions merita. Questo l’obiettivo dell’Inter che alle 21:00 affronta il Benfica per provare ad alimentare le speranze del primo posto dopo la qualificazione già raggiunta. Di seguito le parole dell’AD nerazzurri in merito alla partita contro i lusitani ma non solo.

Inter Marotta

(Photo by Marco Bertorello, Onefootball.com)

Inter, Marotta: “Non sottovalutiamo, ma turnover giusto. Contento del rinnovo e di lavorare con Ausilio e Baccin”

Non abbiamo il rischio di sottovalutare la partita. Siamo l’Inter e dobbiamo sempre approcciare al meglio ogni partita. Allo stesso tempo vanno fatti dei ragionamenti sui tanti impegni della squadra, ed è giusto che Mister Inzaghi abbia optato per del turnover. Gestiamo le forze ma è anche un’occasione per chi ha giocato di meno“.

L’obiettivo di stasera è tutelarsi dagli infortuni, che ormai sono sempre più frequenti nel calcio di oggi. Non c’è un discorso economico in questa partita, una vittoria non ti costruisce il mercato. Abbiamo una squadra completa per le nostre ambizioni e va bene così. Nandez? Con tutto il rispetto, ma si è trattata di una fake news“.

Noi abbiamo coraggio e mentalità vincente, ma a volte serve anche adattarsi a quello che è l’avversario. Sapevamo che la Juventus avrebbe sfruttato i nostri errori. Abbiamo visto una partita molto tattica ma trovo che aver pareggiato sia un risultato positivo e frutto di una buona prestazione“.

Il calcio è basato su due elementi. Il primo è la squadra che scende in campo, l’altra è la squadra dirigenziale. E il nostro team fuori dal campo merita applausi. Ho due colleghi bravissimi come Ausilio e Baccin, lavoriamo in grande sintonia. Siamo persone mature e sono felice di lavorare con loro“.

Io sono arrivato all’Inter nel 2018 e con il rinnovo potremmo arrivare al 2027. Sarebbero 9 anni nel club e avrei 70 anni…poi si guarderà altrove“.