Inter, senti Asllani: “Voglio vincere lo scudetto con questa maglia”

Intervistato da Dazn, il nuovo centrocampista dell'Inter Kristjan Asllani, ha parlato della sua nuova esperienza in nerazzurro.

14/07/2022

22:30

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Kristjan Asllani è pronto a prendersi l’Inter. Il centrocampista albanese arrivato in nerazzurro durante questa sessione di calciomercato estiva, ha già lasciato intravedere nella prima amichevole stagionale contro il Lugano tutte le sue qualità. Il classe 2002 è stato intervistato in esclusiva da DAZN. Asllani ha parlato dei suoi primi giorni all’interno del mondo interista. Di seguito ecco un estratto delle sue dichiarazioni.

Inter Asllani
(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Inter, Asllani: “In questi primi giorni mi hanno colpito D’Ambrosio, Darmian e Handanovic”

“Fino a questo momento sono stati giorni bellissimi, sta andando tutto bene, abbiamo già fatto due amichevoli. I ragazzi mi hanno accolto benissimo, mi sento molto bene. Appiano Gentile è molto grande, non ero abituato. Gioco con ragazzi che prima guardavo alla tv”.

“In questi giorni non eravamo tutti, ma comunque il primo a farmi conoscere l’ambiente è stato Danilo D’Ambrosio. Poi sono rimasto anche molto colpito da Darmian e Handanovic, il consiglio è sempre restare umili”.

“Rito di iniziazione nello spogliatoio? Ancora, no ma sono già in ansia per questo. Se mi chiedessero di cantare sarei costretto a farlo”.

“Ho incontrato Lukaku per la prima volta il giorno delle visite mediche, abbiamo parlato per una mezz’oretta lì nella struttura dove abbiamo svolto gli esami, anche lui mi sta dando una grossa mano adesso. Ha detto che ho una grande mentalità? Me lo dicono tutti, sono contento di aver dato questa impressione anche a lui, posso solo che essere contento che un calciatore come lui dica queste cose di me. Appena è arrivata la chiamata dell’Inter ho accettato subito, è stato bellissimo”.

“Brozovic palla al piede è fortissimo. L’ho ammirato nell’ultima stagione, posso solo che imparare da lui, penso di potergli rubare molto.

“Con Inzaghi non ho ancora parlato della mia posizione, ma lui sa che sono disposto a giocare da tutte le parti. Posso giocare in ogni ruolo del centrocampo. L’anno scorso a Empoli ho giocato principalmente da play davanti alla difesa, ma posso ricoprire tutti i ruoli. Fisicamente sto molto bene. Empoli? Devo ringraziare il mister Andreazzoli e il presidente Corsi per avermi dato l’opportunità di giocare. Quando non mi alleno mi godo la famiglia, non gioco alla Play e nemmeno al fantacalcio. Ora vorrei vincere lo scudetto”.

“Indosso la maglia numero 14, quella che era di Ivan Perisic: mi ha anche scritto e mi ha fatto l’in bocca al lupo, sono contento. L’ho scelto anche perché il 14 è nato mio fratello, è anche per lui. Non avverto tanto la pressione, sono generalmente molto sereno. Con me, però, sono molto autocritico, mi riguardo sempre le partite e cerco di vedere dove posso migliorare. Quando ho firmato con l’Inter all’inizio non ci credevo, poi ho provato un’emozione bellissima insieme alla mia famiglia. Sono contentissimo“.