Italia, la forza del gruppo e la tranquillità di Mancini per scacciare i fantasmi

Nelle certezze di Euro 2020 l'Italia deve trovare la via per scacciare i fantasmi della mancata partecipazione al Mondiale del 2018.

15/11/2021

09:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Aleggiano tra le stanze di Coverciano, cupi e tetri. E non è bastato vincere gli Europei l’11 luglio per scacciarli, come un esorcismo. Sono i fantasmi del novembre 2017: quando l’Italia non riuscì ad imporsi contro la Svezia ai playoff e questo valse la clamorosa esclusione dal Mondiale in Russia dell’anno dopo.

Si ripresentano prepotenti, in questi giorni. Prendono la forma del rigore sbagliato da Jorginho nei minuti finali dello scontro diretto contro la Svizzera. Episodio che assume i contorni della beffa – e che vede protagonista uno dei trascinatori di Euro 2020 –  e che fa riemergere i ricordi, i timori. Inevitabile che l’esclusione dal Mondiale 2018 abbia lasciato delle scorie a livello mentale: ma le paure vanno affrontate e vinte e questa Italia ha tutte le carte in regola per farlo.

LEGGI ANCHE: Qatar 2022, le squadre già qualificate al Mondiale

Come? Sono due i punti di forza, che vanno al di là del valore tecnico della squadra azzurra, a cui la Nazionale deve aggrapparsi con forza, per strappare il biglietto per Qatar 2022. Il primo è Roberto Mancini. Non solo per il gioco moderno che il ct ha saputo dare alla sua compagine, ma soprattutto per i valori che ha trasmesso. L’Italia, questa sera, deve scendere in campo con la stessa leggerezza e spensieratezza che ha mostrato nel cammino ad Euro 2020. L’unico modo per far sì che la paura svanisca al fischio d’inizio e non vada ad appesantire le gambe, ad offuscare le idee di gioco.

L’altro è la forza del gruppo. Quello raccontato da Pessina nel suo diario giornaliero dell’esperienza europea. Quello più volte esaltato dai più giovani e dai senatori dello spogliatoio. Uniti, compatti, verso l’obiettivo qualificazione. Che è lì, ad un passo. Ma è proprio nel finale che le forze possono venire meno e la vista offuscarsi: la luce va (ri)trovata nelle certezze, l’Italia ha tutte le carte in regola per regalarsi e regalare ai suoi tifosi il passaggio del girone. Da lì in poi, gli incubi vengono relegati nel cassetto dei ricordi, da lì in poi il sogno azzurro continua.

Correlati

09:00

15/11/2021

Non c’è pace per Stefano Pioli ed il suo Milan, perennemente martoriato da infortuni ed indisponibilità di vario genere....

Non c’è pace per Stefano Pioli ed il suo Milan, perennemente martoriato da...

09:00

15/11/2021

Renato Sanches ha le valigie pronte per andarsene da Lille. Il Milan osserva attento la situazione, scorre buon sangue tra le due...

Renato Sanches ha le valigie pronte per andarsene da Lille. Il Milan osserva attento...

09:00

15/11/2021

Qatar 2022

16:46

28/11/2021

Gian Luigi Buffon ex portiere della Nazionale e attuale estremo difensore del Parma è stato intervistato  durante la...

Gian Luigi Buffon ex portiere della Nazionale e attuale estremo difensore del Parma...

16:46

28/11/2021

19:41

26/11/2021

La prima semifinale contro la Macedonia del Nord. E poi, eventualmente, si spera e ce lo si augura in tutta la Penisola, la...

La prima semifinale contro la Macedonia del Nord. E poi, eventualmente, si spera e...

19:41

26/11/2021