Juve Women, bambina esclusa dalla scuola calcio: interviene Cristiana Girelli

Un abbraccio con la bomber juventina e si ricomincia a rincorrere i sogni più grandi.

29/12/2021

11:20

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

Photo by Getty Images

Clementina ha otto anni e vive a Brescia. Le piace disegnare, ma la sua vera passione è giocare a calcio. Quando la zia l’ha accompagnata alla scuola calcio, un addetto all’ingresso è stato tutt’altro che gentile: “Per il bambino non ci sono problemi, la bambina non può. Perchè è una bambina“.

Una frase spiacevole, in un contesto – quello del calcio femminile – che sta facendo passi da gigante ma che ancora non è abbastanza. A Fanpage.it è intervenuto Luciano Grandini, responsabile della Regione Lombardia del calcio femminile: “Qui in regione si concentra il 20 per cento del calcio ‘rosa’, ma parliamo di una quindicina di società“. E poi continua “le società pure femminili sono pochissime, è già tanto se qualcuna maschile accetta le bambine“.

LEGGI ANCHE: Insigne, senti Giovinco: “Al Toronto sparisci dai radar e perdi visibilità”

Per far sorridere Clementina è arrivata anche Cristiana Girelli, stella delle Juventus Women e della Nazionale italiana. Questo il post della numero 10 bianconera su Instagram: “Oggi grazie anche al vostro aiuto, sono riuscita ad incontrare Clementina. Una bambina dolcissima, che voleva semplicemente giocare a calcio. Il sogno che avevamo tutte noi e che ci ha portato fino a qui. Nessuno si dovrebbe permettere di dire ad una bambina, ma anche ad un bambino (perché fidatevi succede) che non può fare uno sport che gli piace, solo perché è una femmina o solo perché è un maschio. C’è ancora tanta, troppa strada da fare. Clementina, bambine e bambini per favore non smettete di seguire i vostri sogni e non dimenticate di essere voi stessi sempre, insegnando ai più grandi, a condividere la magia del vostro fantastico mondo. Oggi sono molto felice di averti incontrata Clementina“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristiana Girelli (@cristianagirelli)

Insomma, una storia iniziata male e finita con il sorriso di Clementina che stringe a sè Cristiana e la sua maglia bianconera autografata. La bimba da oggi tiferà ancora di più quei colori che da anni vincono tutto in Italia. Ma non solo: hanno appena conquistato un meraviglioso quarto di finale di Champions League tutto da giocare contro il Lione. I sogni da tifosa e da giocatrice di Clementina possono continuare, e speriamo che nessuno si metta più di mezzo.