Juventus, Allegri: “Avevo firmato per il Real, ma la Juve…”

Il tecnico bianconero ha raccontato del suo mancato passaggio al Real Madrid per amore della Juventus: ecco le sue dichiarazioni.

31/03/2022

12:10

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ha parlato del suo mancato passaggio al Real Madrid in un’intervista rilasciata a GQ Italia. L’allenatore toscano si è focalizzato sull’amore verso la Juventus e su cosa lo ha spinto a riabbracciare il progetto della “Vecchia Signora”. Ecco un estratto delle sue parole.

Juventus Allegri
(Photo by MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Juventus, le parole di Allegri a GQ Italia

Sul mancato passaggio al Real
L’ho detto e lo ripeto: quest’anno avevo già firmato un accordo con il Real Madrid. Poi la mattina ho chiamato il presidente e gli ho detto che non sarei andato perché avevo scelto la Juventus. Mi ha ringraziato. “

LEGGI ANCHE: Qatar 2022, domani il sorteggio dei gironi: le 4 fasce

Sulla possibilità di allenare il Real Madrid
“A livello professionale sarebbe stato il coronamento di un percorso, certo: Milan, Juve, Real. Ma nella vita non si può avere sempre tutto e io sono davvero contento e orgoglioso di aver allenato per quattro anni il Milan e ora essere al sesto in un club come la Juventus. Al Real ho detto no due volte. La prima è stata mentre ero in fase di rinnovo con la Juve: dissi al presidente del Real che avevo già dato la mia parola a Andrea Agnelli. “

Allegri Juventus
(Photo by MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Sulle differenze fra la sua prima Juve e questa
“E’ una bella sfida, interessante, che ho la fortuna di affrontare al fianco di una proprietà che è la stessa da sempre, e che ha voglia come me di tornare a vincere. Quando sono arrivato la prima volta nel 2014 era tutto diverso; Antonio Conte aveva fatto un gran lavoro insieme alla società, vincendo tre campionati e costruendo una squadra molto forte che andava solo rifinita. Quest’anno è una squadra molto diversa da quella, con molti giovani, con giocatori forti ma con meno esperienza. Però stiamo ripartendo da una base chiara, che è il Dna della Juventus, e che consiste nel tornare a vincere ma sapendo soffrire e avendo voglia di lottare sempre.”

Su Vlahovic e Morata
“La sera che la società ha preso Vlahovic ho chiamato Álvaro e gli ho detto: «Non ti muovi da qui perché ora con lui diventi un giocatore molto più importante», e così è stato. Discutere Morata tecnicamente è da folli; è normale che se gli si chiede di far cose che non è in grado di fare possa non rendere al meglio, ma non dimentichiamoci che lui si è messo a disposizione e ha giocato per mesi in una posizione che non era propriamente la sua. Vlahovic? È un ragazzo giovane, con poca esperienza internazionale, che però ha qualità, vuole e può migliorare, e ha tutto il tempo per farlo. Davanti alla porta ha una cattiveria assoluta. La Juventus ha fatto un acquisto importante: nel mondo lui, Mbappé e Haaland sono i più forti in circolazione della loro generazione”.