Juventus, Buffon: “Pogba, Di Maria e mercato: vi dico tutto”

29/07/2022

11:40

• Tempo di lettura: 6 minuti

Tempo di lettura: 6 minuti

(Photo by ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Gianluigi Buffon, portiere del Parma, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano Tuttosport, ha parlato della prossima stagione della Juventus. Di seguito le sue dichiarazioni.

Juventus, le parole di Buffon a Tuttosport

Juventus Buffon
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

RITIRO PINZOLO – “Il primo ricordo non è proprio bellissimo… Qui, ai tempi di Ranieri, colsi il primo segnale della protrusione discale che negli anni successivi mi costrinse ad andare sotto i ferri”.

LEGGI ANCHE: Mercato Juve, per l’attacco torna di moda Martial: le ultime

ETÀ – “Vivo tutto da uomo e da sportivo libero, con la massima serenità. Io all’età non penso, a me fa piacere quando si rimarcano le cose che faccio in campo. Mi piace ancora competere, l’adrenalina si accende in maniera automatica. E quando non sento la partita, in un modo o nell’altro riesco a crearmi delle situazioni per entrarci”.

STAGIONE – “Personalmente spero sia come l’ultima, almeno fino a febbraio. Per i primi 6-7 mesi ho dato risposte forti, poi ho avuto prima un infortunio e quindi una ricaduta: nel finale non ci sono praticamente mai stato. Stavolta vorrei mantenere lo stesso livello per undici mesi. Per la squadra, invece, deve essere la stagione del riscatto. Al di là del vincere o arrivare secondi o terzi, la cosa principale deve essere quella di dimostrare di essere squadra. Lo scorso anno in molte occasioni davamo segnali di non esserlo e non esiste niente di peggio. Dobbiamo tornare a competere”.

RISCATTO – “Nessuno meglio di lui sa interpretare ciò che la gente si aspetta dalla squadra. E nessuno meglio di Max sa come parlare, anche pubblicamente. Se Allegri dice così è perché probabilmente vuole aumentare il tasso di concentrazione in tutti, giocatori compresi. Fin dalla prima partita la Juventus deve essere protagonista. Allegri conosce perfettamente l’ambiente Juve, dove si passa al massimo un anno da non protagonista. Che non significa necessariamente vincere, bensì lottare fino all’ultimo per il campionato. La società si è mossa molto bene e ha costruito una squadra che rispecchia anche di più le caratteristiche dell’allenatore. Sono convinto che Allegri riuscirà a farla rendere meglio e renderà meglio anche lui. Max sa gestire bene i campioni e capire certi momenti della stagione e delle partite”.

Juventus, le parole di Buffon su Di Maria

DI MARIA – “.Angel è uno di quei giocatori che hanno avuto la “sfortuna” di far parte di squadre fortissime, composte da tanti campioni. E lui, essendo meno mediatico rispetto ad altri, ne è uscito penalizzato. Ma ce ne sono tanti di esempi così nel calcio. Mi viene in mente Barzagli, uno straordinario difensore reclamizzato meno di altri. Alcuni grandi non sono stati celebrati quanto avrebbero meritato. Ma visto che io li ho vissuti in prima persona, pian piano li racconto… Di Maria è uno di questi. Parliamo di un campionissimo che abbina qualità, fisicità, mentalità, professionalità, capacità di stare nel gruppo e di sacrificarsi per la squadra”.

CONVINCERE DI MARIA – “Non l’ho convinto io, queste sono scelte personali. Ho scritto ad Angel soltanto quando la trattativa era in dirittura d’arrivo. Gli ho mandato un messaggio per esprimergli la mia felicità e per dirgli che aveva fatto la scelta giusta perché la Juventus, intesa come società e ambiente, non tradirà le sue attese. Ho sentito Angel felicissimo. Avevamo un ottimo rapporto al Psg: prendevamo il caffè insieme prima dell’allenamento, a volte me lo preparava lui ma capitava anche il contrario. E poi Angel era uno di quelli con cui, assieme a Marquinhos, Dani Alves e a volte Kimpembe, ci trovavamo a lavorare in palestra un’ora prima dell’allenamento”.

DI MARIA UOMO ASSIST – “Angel, già di suo, può realizzare una decina di reti. Poi, è vero, è un altruista e servirà molti assist”.

PAREDES – “Sì, lo vedrei bene nella Juventus. Leandro, oltre che affidabilissimo, è abituato a giocare e a stare in squadre di livello. Può dare una mano“.

Juventus, le parole di Buffon su Pogba, Morata, Dybala

POGBA – “Mi dispiace per il grande Paul, che ha fatto una scelta giustissima tornando a Torino. Per lui la Juventus è speciale come squadra e come ambiente. Pogba, quando si riprenderà, sarà un avatar in Serie A”.

MORATA – “Alvaro si è sempre trovato a meraviglia e vuole un gran bene alla Juve. È un attaccante sottovalutato. Allegri lo sa benissimo, infatti lo rivorrebbe”.

DYBALA – “No, perché Paulo aveva il diritto di scegliere dopo l’addio a parametro zero alla Juventus. Quando nelle scorse settimane ho visto che Dybala sarebbe potuto andare all’Inter, alla Roma o al Napoli ho sperato che scegliesse una delle ultime due. Lo speravo per la sua carriera. Paulo aveva bisogno di uno choc emotivo ed ero convinto che soltanto Roma e Napoli glielo avrebbero potuto dare. Glielo ho scritto anche con un messaggio e sono contento di vederlo alla Roma. Dybala, dal punto di vista tecnico, è il migliore della Serie A assieme a Di Maria”.

DE LIGT E BREMER – “.Mi dispiace vedere De Ligt via dalla Juventus perché Matthijs era il classico giocatore e capitan futuro da Juve per bravura, qualità e carattere. Peccato, però se è stata una sua volontà: amen. Bremer è reduce da un campionato strepitoso, nel quale è stato eletto miglior difensore della Serie A. Il salto alla Juve è grande e magari un po’ di dazio lo pagherà. È successo anche a De Ligt all’inizio. Ma le potenzialità di Bremer non sono in discussione”.

RONALDO – “In passato Cristiano è già stato vicino, al Parma… Ma Ronaldo mi sembra che abbia l’obiettivo della Champions, quindi noi ancora non gliela possiamo promettere. È un po’ che non sento Cris. Abbiamo un ottimo rapporto, di stima reciproca. CR7 è un campione, un giocatore diverso. Possiede una forza animalesca di vincere, un qualcosa di ancestrale”.

PIRLO – “Ho sentito Andrea l’altro giorno ed è felicissimo dell’esperienza che sta vivendo. Si è rimesso in gioco, gli auguro il meglio”.

FUTURO IN MLS – “.Non metto limiti alla provvidenza. Posso smettere tra un mese come fra dieci anni. Se sto bene, mi diverto e nelle cose che faccio ci sono delle motivazioni, vado avanti. Adesso ho uno stimolo fortissimo: riportare il Parma in Serie A. Per i tifosi e per il presidente Krause, che continua a investire”.

Serie A

23:45

14/08/2022

Intervenuto in conferenza stampa, Luca Gotti, tecnico dello Spezia, ha analizzato la vittoria ottenuta contro l’Empoli. Di...

Intervenuto in conferenza stampa, Luca Gotti, tecnico dello Spezia, ha analizzato la...

23:45

14/08/2022

23:37

14/08/2022

L’allenatore della Roma José Mourinho ha commentato in conferenza stampa la prima vittoria in campionato per 1-0 conto la...

L’allenatore della Roma José Mourinho ha commentato in conferenza stampa la...

23:37

14/08/2022