Juventus, Del Piero: “L’affetto dei tifosi fa sempre molto piacere”

L'ex capitano ha parlato anche di un possibile ritorno in bianconero.

21/06/2022

10:40

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by DENOUR/AFP via Getty Images)

Intervistato da Tuttosport, Alessandro Del Piero, ex capitano della Juventus, ha parlato del grande rapporto coi tifosi bianconeri e affrontato l’ipotesi del clamoroso ritorno. Di seguito le sue parole.

Juventus, Del Piero ringrazia i tifosi

Del Piero Juventus tifosi
(Photo credit by LUIGI BERTELLO/AFP via Getty Images)

EMOZIONI: “Le emozioni rimangono legate a quello che è successo con quella maglia. Riindossarla è sempre piacevole, il pensiero va a quello che hai passato insieme a quella maglia e sarà sicuramente emozionante. La prima volta che l’ho messa? Certo che me la ricordo”.

LEGGI ANCHE: Mercato Roma, spunta l’idea Cavani ma la Salernitana offre un biennale

AGNELLI: “Non so se riesco a dire qualcosa di nuovo. Il presidente era unico. Io l’ho incontrato per la prima volta a Udine, in un Udinese-Juventus, quando avevo ancora 16 anni. Poi nel corso del mio primo anno, quando ho firmato il mio primo contratto alla Juve. Sono legato anche alla famiglia, conosco bene i figli, i nipoti (uno, Filippo, ha giocato con lui quando giocava nella Primavera bianconera). Ed è una famiglia stupenda. Manca sicuramente, il presidente. Manca una presenza come la sua, una personalità come la sua, un temperamento come il suo. E’ stato un uomo enorme, geniale per certi aspetti, sia da calciatore che da dirigente”.

I TIFOSI LO RIVOGLIONO: “Mi fa molto piacere, significa che il percorso fatto insieme è stato un bel percorso. Lo è stato sicuramente per me, ma credo anche per loro e… e fa sempre molto piacere”.

SERIE A: “Sono convinto che il ritorno di campioni come Lukaku e Pogba aumenteranno la qualità della Serie A e faranno bene a tutto il movimento”.

LA B POST-CALCIOPOLI – “Era stato un anno del tutto particolare, unico nel suo genere: complicatissimo all’inizio, ma finito bene per noi. Pescara è stata una tappa importante perché è una squadra con una storia, ricordo che da ragazzino vedevo le partite della Juve contro il Pescara in Serie A. Auguro ai biancazzurri di risalire a quei livelli”.