Juventus, Pjanic: “Allegri può ribaltare tutto: ecco come”

L'ex centrocampista è convinto che sia necessaria anche la vicinanza dei tifosi.

21/09/2022

10:40

• Tempo di lettura: 4 minuti

Tempo di lettura: 4 minuti

(Photo by Alex Caparros/Getty Images)

Miralem Pjanic, intervistato da Tuttosport, ha parlato del momento della sua ex squadra, la Juventus. Il centrocampista bosniaco è convinto che Allegri riuscirà a trovare la quadra. Di seguito le sue dichiarazioni.

Juventus, le parole di Pjanic su Allegri e non solo

Juventus Pjanic Allegri
(Photo by VINCENZO PINTO/AFP via Getty Images)

FISCHI DI MONZA –È la dimostrazione che i giocatori sono consapevoli della situazione. Calciatori e tifosi devono essere una cosa sola. È un senso di responsabilità prendersi i fischi della gente. Dispiace vedere la Juventus in questa situazione, ma un momento di crisi arriva sempre nell’arco della stagione”.

LEGGI ANCHE: Inter, Acerbi: “L’arrivo in nerazzurro è stato difficile, sull’Italia…”

SORPRESA NEGATIVA –Sì. Ma diciamo che quasi tutte le big stanno faticando a decollare. Penso all’Inter e pure al Milan, che comunque è più avanti. Il Napoli ha fatto un grande inizio di campionato, come Atalanta e Udinese. È vero, dalla Juventus ci si aspettava di più, ma è soltanto l’inizio e c’è ancora il tempo per recuperare. Per vincere lo scudetto devi essere
regolare e continuo, però ci sono più di trenta partite da giocare. La sosta arriva al momento giusto, aiuta a schiarire le idee tanto ai giocatori quanto ad Allegri e allo staff”.

COSA SERVE ORA –Alla ripresa, dopo le nazionali, arriverà il Bologna all’Allianz Stadium. Se i bianconeri riusciranno a vincere dominando, poi le cose andranno a posto da sole. A volte basta poco… L’importante, in questi momenti, è restare uniti. Non cercare colpevoli perché alla fine tutti sono colpevoli allo stesso modo quando non si vince. Percepisco tanta negatività, ma quello che si dice fuori non deve entrare nella testa dei giocatori. Il mondo Juve deve restare compatto: società, allenatore, staff, giocatori e tifosi devono ritornare una cosa sola. La Juventus ha già tanti avversari di suo: dalle squadre alle tifoserie rivali… Se entri all’Allianz Stadium e hai anche la tua tifoseria scontenta, pur con delle ragioni in questo momento, diventa tutto complicato”.

VIA ALLEGRI –Adesso non hanno senso i cambi, le somme si tirano alla fine della stagione. La Juventus di Allegri può riuscire a ribaltare tutto, ma si devono mettere tutti in discussione. Nessuno può essere soddisfatto, a partire dai giocatori. Ma anche Allegri e il suo staff staranno facendo delle riflessioni per svoltare. Quando un momento difficile arriva così presto, sei costretto a commettere meno errori possibili. Il campionato è equilibrato, può succedere ancora di tutto. Quando vinci passando da questi periodi duri, poi è ancora più bello e gustoso il successo. Diventano soddisfazioni enormi. Vi ricordate la stagione 2017-18 e la vittoria del Napoli di Sarri allo Stadium con il gol di Koulibaly nel finale?”.

MANCA DYBALA O CHIELLINI –Manca chiunque, ma la forza della Juventus è – e sarà sempre – questa: i campioni passano, il club resta e continua a vincere. Prima di loro, c’erano fuoriclasse come Zidane, Nedved, Cannavaro, Del Piero, Trezeguet… La Juventus è una macchina fatta per trionfare e lo capisci subito. Quando arrivai a Torino pensai: non voglio diventare uno che ha giocato nella Juventus senza vincere. E ogni giorno ero focalizzato sul lavorare per arrivare al successo. Questo è il mondo Juve: è il dna del club, del presidente. Ogni giocatore deve avere qualcosa che gli scatta dentro quando è alla Juventus: dire è colpa di quello o di quell’altro è facile, però non è una soluzione. Dopo la sosta l’unico pensiero
deve essere provare piacere sul campo, attaccare e vincere 3-0 contro il Bologna. Nel calcio è tutto sul filo. Ogni cosa si può ribaltare in fretta e sono convinto che la Juventus ci riuscirà”.

CHAMPIONS –Sarà dura, ma è ancora tutto aperto con 4 partite da disputare. La Juventus deve conquistare 6 punti con il Maccabi Haifa. E poi il passaggio del turno se lo gioca a Lisbona, dove servirà una grandissima partita. I portoghesi sono sempre difficili da affrontare: partono da outsider, ma sono tosti. Che sia Benfica, Porto o Sporting, sono sempre incroci tosti”.

PAREDES –Leandro non giocava molto, a Roma. Era giovane. Sta facendo la sua strada e
adesso avrà molte responsabilità perché quella del centrocampista centrale è una posizione chiave per Allegri. Quel ruolo in passato è sempre stato occupato bene e al regista sono sempre state affidate grandi responsabilità per far giocare la squadra come vuole l’allenatore. Ora tocca a Paredes assumersi le responsabilità. È un giocatore valido e spero faccia bene”.

Correlati

Nella tempesta in casa Juventus potrebbe accendersi improvvisamente il sole. Il rientro di Federico Chiesa, infatti, potrebbe...

Nella tempesta in casa Juventus potrebbe accendersi improvvisamente il sole. Il...

09:40

21/09/2022

08:00

21/09/2022

La Juventus è senza difesa. Quello che si vede in campo è inaccettabile e urgono interventi. Oltre alla già citata situazione...

La Juventus è senza difesa. Quello che si vede in campo è inaccettabile e urgono...

08:00

21/09/2022

Serie A

22:25

23/09/2022

La Juventus ha approvato il bilancio della stagione 2021-2022. Il Consiglio d’Amministrazione bianconero ha emesso una nota...

La Juventus ha approvato il bilancio della stagione 2021-2022. Il Consiglio...

22:25

23/09/2022

22:00

23/09/2022

Il Milan sta pensando di tagliare Mike Maignan dalla lista Champions League. L’infortunio del portiere potrebbe essere più...

Il Milan sta pensando di tagliare Mike Maignan dalla lista Champions League....

22:00

23/09/2022