Khedira: “Boateng poteva giocare ovunque, era il migliore”

L'ex centrocampista di Juventus e Real Madrid si è lasciato andare ad un viaggio nel passato, nel corso di un'intervista rilasciata per ESPN.

04/03/2022

13:40

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Maja Hitij/Getty Images)

L’ex centrocampista di Juventus e Real Madrid, Sami Khedira, ha rilasciato un’intervista per ESPN. Il tedesco ha ripercorso i più importanti momenti del suo passato, dalla chiamata di Mourinho all’approdo alla Juventus. Tematica importante trattata nell’intervento è stata quella legata a Cristiano Ronaldo, compagno dell’ex calciatore sia al Real che alla Juventus. Ecco le sue parole, riportate da TMW.

Khedira:”Ronaldo è un leader naturale, è sempre stato competitivo”

Su Cristiano Ronaldo
“Ho conosciuto due Cristiano diversi: quello del Real Madrid era più giovane, forse un po’ più insicuro ed egoista. Non in senso negativo, ma doveva trovare la sua personalità. Ha segnato tantissimi gol ed è stato fantastico, ma non aveva molta influenza sulla squadra. L’ho ritrovato alla Juventus e aveva quello stesso egoismo nel segnare, ma era un leader naturale. Ci ha sempre spinto e sapeva di aver bisogno del supporto dei suoi compagni di squadra per vincere i trofei. Anche al Real ha sempre fatto parte della squadra, ma alla Juventus era un po’ più maturo. Sempre concentrato sul campo, ma un po’ più rilassato. È sempre stato competitivo… In allenamento tutti volevano battere Cristiano ma se eri nella sua squadra volevi aiutarlo a vincere”

LEGGI ANCHE: Leeds, Marsch si presenta: “Speravo che con Bielsa la squadra vincesse. Obiettivo rimanere in Premier”

Khedira racconta la sua esperienza al Real Madrid
“Dopo il Mondiale del 2010 mio fratello mi disse che Mourinho mi aveva cercato. Ero molto giovane e non potevo crederci, poi parlai con lui e mi disse che mi avrebbe voluto nella sua squadra. Il colloquio durò poco: mi chiese quali fossero le mie aspettative e io risposi che volevo solo vincere. E lui mi convocò per la tournée americana. È stata una delle migliori esperienze della mia vita. Incontrare José e lavorare con lui è stato fantastico, mi ha aperto le porte del calcio ad alti livelli. Mi ha sempre dato fiducia, aveva bisogno di me per dare equilibrio a una squadra di fenomeni”.

Sulla rivalità con il Barcellona
“È stata molto speciale. Il mondo intero aspettava le nostre partite. Forse era troppo a livello personale, ma ha spinto entrambe le squadre a dare il massimo. Sono state alcune delle migliori partite che abbia mai giocato. Quel Barcellona è stata una delle migliori squadre della storia. Xavi, Iniesta e Busquets non perdevano mai la palla e bisognava trovare delle soluzioni, dovevamo anticipare le mosse, recuperare la palla e ripartire. Abbiamo perso solo un paio di volte”

Su Boateng
“Boateng era mio compagno nella nazionale Under-15. Era così talentuoso, il migliore di tutti. Pensavo che sarebbe stato tra i primi cinque al mondo. Poteva giocare in tutte le posizioni. Ma devi lavorare sul talento”.

Correlati

12:01

04/03/2022

Il mondo di Calcio in Pillole continua ad evolversi e a cambiare. Sempre nella direzione che amiamo: quella del racconto...

Il mondo di Calcio in Pillole continua ad evolversi e a cambiare. Sempre nella...

12:01

04/03/2022

12:00

04/03/2022

L’ex attaccante partenopei, Andrea Carnevale, ha parlato dell’imminente confronto di campionato fra Napoli e Milan....

L’ex attaccante partenopei, Andrea Carnevale, ha parlato dell’imminente...

12:00

04/03/2022

Calcio Estero

21:18

02/12/2022

L’ex bomber argentino Abel Balbo è ufficialmente il nuovo tecnico dell’Estudiantes de La Plata. Balbo era tornato ad...

L’ex bomber argentino Abel Balbo è ufficialmente il nuovo tecnico...

21:18

02/12/2022

A22 Sports (la società che si muove dietro al progetto della Superlega) e Clifford Chance (multinazionale operante nel...

A22 Sports (la società che si muove dietro al progetto della Superlega)...

14:38

02/12/2022