La Vecchia Signora ha dismesso l’abito da nobile

La Vecchia Signora si è spogliata del lignaggio e delle ricchezze, per ritrovare umiltà e motivazioni.

30/09/2021

10:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

Photo Andrea Staccioli / Insidefoto andreaxstaccioli via Imago

C’è una costante nel post partita di JuventusChelsea, un concetto che viene ripetuto dai calciatori e dall’allenatore della squadra bianconera, nelle interviste e nei tradizionali messaggi social pubblicati dopo il triplice fischio: quella vista mercoledì sera è la vera Juve.

Ma cosa significa vera Juve? La Vecchia signora ha dismesso l’abito da nobile, è scesa dal piedistallo dorato, ha ritrovato umiltà ed è tornata ad essere la provinciale d’Europa. Niente più altezzosità sabauda, sostituita da concretezza e propensione al sacrificio: così è riuscita a battere i campioni d’Europa in carica, così può tentare la risalita in campionato. Ha ritrovato il “piacere di difendere”, ricostruito pazientemente le barricate di un fortino troppe volte perforato, cambiato mentalità.

LEGGI ANCHE: Juve-Chelsea 1-0: super Chiesa regala i 3 punti ad Allegri

Mosse di mercato sbagliate, centrocampo non all’altezza, cambi di guida tecnica. Sono diversi i problemi emersi nelle ultime stagioni. Uno, però, era evidente a chi segue con costanza la Juventus. In diverse occasioni, gli undici in campo con la maglia bianconera sono scesi in campo convinti di avere i tre punti assicurati ancor prima del fischio d’inizio. Altezzosità e mancanza di umiltà hanno caratterizzato la squadra. Ed è un discorso che va al di là del piano gara, del modulo o delle qualità degli interpreti. Perché quando la testa non è settata nella maniera corretta, può succedere che anche il Crotone possa mettere in seria difficoltà una squadra che ha Cristiano Ronaldo in rosa.

Quella vista ieri è una Juventus francescana. Scesa in campo all’Allianz Stadium, si è spogliata del lignaggio e delle ricchezze, per ritrovare umiltà e motivazioni.

It’s a long way to the top“. La strada è lunga, per risalire in campionato e per cancellare i fantasmi di inizio stagione, ma il percorso intrapreso è quello giusto. Nel Derby della Mole di sabato il primo bivio, qui si scoprirà se la partita contro il Chelsea è stata solo un’illusione, o se, effettivamente, la Juventus ha cominciato un’altra stagione.