Lazio, Felipe Anderson: “Con l’Inter non serviva fermarsi”

Domani all'Olimpico scenderanno in campo Lazio e Marsiglia, gara valida per l'Europa League. Il giocatore biancoceleste Felipe Anderson oggi ha parlato in conferenza stampa.

20/10/2021

16:40

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images)

Archiviata la sfida di sabato scorso con l’Inter, che ha visto la Lazio imporsi per 3-12, i biancocelesti preparano la terza partita del girone di Europa League. Ad attendere i ragazzi di Maurizio Sarri allo Stadio Olimpico ci sarà l’Olympique Marsiglia. Oggi pomeriggio, Felipe Anderson ha preso posto in conferenza stampa per presentare il delicato match in programma domani alle 18:45. In seguito le dichiarazioni del calciatore brasiliano, raccolte da Tuttomercatoweb:

Felipe sei stato al centro di tante polemiche in Lazio-Inter…
“Sono uscito dispiaciuto dall’ultima gara perché sono sempre stato un uomo giusto e mi dispiace per quello che ho visto. Non sono mai entrato nelle polemiche. Dobbiamo andare avanti, ora mentalmente sto bene. Ci sono troppe interruzioni in Italia? Noi siamo sempre pronti ad aiutare gli avversari, ma ci siamo resi conto che non serviva con l’Inter, loro avevano proseguito. Continueremo a fermarci quando servirà, in quel momento era giusto proseguire il gioco”.

LEGGI ANCHE: Lazio, caso tamponi: Lotito inibito 2 mesi. 5 mesi ai medici

Il parapiglia con i giocatori dell’Inter?
“Io provo a essere il più calmo e lucido possibile, in tanti ci guardano, è stata una cosa molto brutta quel casino intorno a me. Erano nervosi, ho provato a fare il mio per stare calmo e rispettare ognuno di loro”.

Hai iniziato molto bene la stagione: merito di Sarri?
“Il mister mi sta dando fiducia e sono soddisfatto dell’impiego che mi sta riservando. Sto lavorando tranquillo e consapevole dei miei mezzi, so di poter fare grandi cose. Voglio continuare così, anche se il rendimento della squadra rimane più importante. Noi qui diciamo che il gruppo è una famiglia, si vede anche in campo, quando uno sta male gli stanno tutti vicini. Sono fiero di far parte di questa Lazio”.

Il gol contro Inzaghi chiude il cerchio con il passato?
“Sempre segnare è bello, al di là della situazione in campo, del modulo e del fatto che non ho giocato tanto con il mister. Succede nel calcio, io sempre avuto un buon rapporto con lui, sono contento che sta facendo la sua strada e sta vincendo. È stato gol comunque speciale, c’erano tanti amici allo stadio ed è stata una giornata bella”.

Sulla sfida con il Marsiglia all’Olimpico:
“Sarà difficile, loro stanno facendo bene in campionato: sappiamo che il calcio è fatto di intensità, loro sono forti fisicamente e tecnicamente. Dobbiamo essere concentrati e non sbagliare approccio. Sto provando a dare sempre il mio meglio, contro la Lokomotiv Mosca ho giocato bene ma ho sbagliato qualche occasione. Voglio sbloccarmi anche in Europa e continuare a fare del mio meglio.