Levante, Lisci: “Dal nulla sono arrivato in Liga”

Lisci racconta il suo debutto sulla panchina del Levante, nella Liga.

07/12/2021

11:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Alex Caparros/Getty Images)

Alessio Lisci, giovane allenatore italiano da 10 anni in Spagna e oggi tecnico del Levante, ha raccontato la sua storia e il debutto a La Gazzetta dello Sport: “Dentro di me ho sensazioni contrastanti, un sapore agrodolce. La felicità per il debutto è limitata dal mancato arrivo della vittoria. Abbiamo giocato bene, creato occasioni e preso un palo. Secondo me ci sono stati dei miglioramenti, però ho fatto solo quattro allenamenti e si può immaginare lo stato mentale dei giocatori dopo 24 partite senza vittoria. Sapevo che era una situazione difficile. E ora? Aspetto. Finché nessuno mi dice di tornare col ‘filial’ continuo con la prima squadra. Ieri ho diretto l’allenamento e ho anche visto il presidente che però non mi ha comunicato novità. Evidentemente stanno riflettendo, la situazione è molto aperta

Lisci si presenta: “Sono romano, ho giocato in D a Guidonia e poi sempre in Promozione. Mi sono laureato facendo la triennale allo Iusm e poi la specialistica in scienze e tecniche dell’allenamento. Ho iniziato a lavorare alla Lazio, come coordinatore motorio di pulcini e poi esordienti, e mi sono iscritto al programma Leonardo per uno stage all’estero retribuito. All’ultimo momento è saltato tutto e ho scritto ai 20 club della Liga per sapere se avevano posto nella cantera. Rispondono Atletico Madrid e Levante, ma il primo poteva prendermi solo coi ragazzini del calcio a 7, così sono arrivato a Valencia. Lavoravo come secondo di Miguel Angel Villafaina, e nel 2016 è stato esonerato. Io con lui, così sono tornato a Roma. Ma pochi mesi dopo dal Levante mi hanno richiamato per darmi il Juvenil B, e sono ancora qui. I primi due anni mi mantenevo vendendo prodotti alimentari nostrani ai ristoranti italiani di Valencia”

LEGGI ANCHE: Juventus, adesso ci siamo: le novità sul rinnovo di Dybala

Il debutto: “Ho fatto i biglietti ai miei genitori, sono venuti anche mio cugino e un paio di amici, il debutto andava celebrato: è stato il coronamento di un lungo percorso dal nulla alla Liga, mica un campionato qualsiasi. Il prepartita è stato emozionante, poi una volta in campo mi sono dimenticato che ero con la prima squadra e non col “filial”. E la cosa più bella è arrivata dopo: ho ricevuto tanti tanti messaggi dall’Italia, di allenatori giovani che vedono nella mia storia un messaggio di speranza, uno stimolo per continuare. Mi sento orgoglioso”.

Correlati

08:45

07/12/2021

Gianluigi Donnaruma, ieri sera, è intervenuto a Canale 21, durante la trasmissione Peppy Night Fest: “PSG? Si sta...

Gianluigi Donnaruma, ieri sera, è intervenuto a Canale 21, durante la trasmissione...

08:45

07/12/2021

Il 7 dicembre 2017, senza troppe sorprese, Cristiano Ronaldo conquista il suo quinto Pallone d’Oro. Supera, con 946 punti,...

Il 7 dicembre 2017, senza troppe sorprese, Cristiano Ronaldo conquista il suo quinto...

08:30

07/12/2021

La Liga

14:52

19/01/2022

Alla vigilia degli ottavi di finale di Copa del Rey contro l’Elche, il tecnico del Real Madrid, Carlo Ancelotti, ha parlato...

Alla vigilia degli ottavi di finale di Copa del Rey contro l’Elche, il tecnico...

14:52

19/01/2022

14:10

19/01/2022

Prima della sfida all’Athletic Bilbao in Coppa del Re domani sera, il tecnico dei blaugrana Xavi in conferenza stampa ha...

Prima della sfida all’Athletic Bilbao in Coppa del Re domani sera, il tecnico...

14:10

19/01/2022