Connect with us

Calciomercato

Manchester United, rivoluzione a gennaio: chi è a rischio addio

Published

on

ten hag

In casa Manchester United si prepara una netta rivoluzione per gennaio: chi è a rischio addio nello spogliatoio di Erik ten Hag.

Nonostante le 4 vittorie nelle ultime 5 giornate di Premier League, il Manchester United di Erik ten Hag ha già registrato ben 9 sconfitte in 19 gare disputate, tra campionato e coppa. Ultimi nel Gruppo A di Champions League, oggi i Red Devils sono chiamati a dover vincere nella dimora del Galatasaray per agguantare il secondo posto in classifica. Dati i risultati negativi ottenuti fin qui, la dirigenza starebbe valutando grandi cambiamenti in vista del prossimo mercato invernale. Secondo quanto riportato da The Guardian, Sir Jim Ratcliffe, il quale acquisterà parte delle azioni del club, avrebbe intenzione di tagliare fuori alcuni profili che hanno reso al di sotto delle iniziali aspettative.

Manchester United, da Sancho ad Amrabat: chi rischia

amrabat

Photo by Getty Images

Secondo il quotidiano inglese, Ratcliffe avrebbe crociato alcuni membri dello staff e ben 3 giocatori: Jadon Sancho, Antony ed Anthony Martial. Dati i trascorsi fra i due, Erik ten Hag sarebbe d’accordo sul primo nome, mentre sugli altri due non avrebbe dato ancora il proprio responso. Ad ogni modo, per il prossimo mercato invernale il manager olandese vorrebbe in rosa un attaccante, un difensore centrale e due centrocampista, di cui propenso alla fase difensiva. I nomi presenti sulla lista desideri dell’ex Ajax sarebbero quelli noti: Timo Werner del Lipsia, Jean-Clair Todibo del Nizza, Youssouf Fofana in forza al Monaco e Antonio Silva di proprietà del Benfica.

Oltre ai nomi già citati, tali potenziali acquisti potrebbero mettere a rischio la permanenza all’Old Trafford anche di Sofyan Amrabat e Mason Mount. Entrambi i calciatori hanno deluso la dirigenza del Manchester United con prestazioni spesso al di sotto della sufficienza. Per l’ex Chelsea, i Red Devils hanno sborsato ben 65 milioni di euro nell’ultima estate, ma i continui infortuni hanno reso complicata questa prima parte di stagione.