Mercato Lazio, nessuna offerta concreta per Milinkovic-Savic

Mercato Lazio, Milinkovic-Savic piace a tanti ma non ha ricevuto nessuna vera offerta. Il serbo potrebbe anche rimanere.

01/07/2022

23:20

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Marco Rosi, Onefootball.com)

Il mercato della Lazio fatica a decollare in maniera decisiva. I biancocelesti al momento hanno ufficializzato i colpi in prospettiva di Marcos Antonio per il centrocampo e di Matteo Cancellieri per l’attacco. Ma i biancocelesti hanno ancora molto lavoro davanti per costruire la rosa adatta alle esigenze di Maurizio Sarri.

Mercato Lazio
(Photo by Paolo Bruno, Onefootball.com)

Mercato Lazio, “caso” Milinkovic-Savic. Tanto ambito, ma nessuna vera offerta. Il serbo potrebbe rimanere

Soprattutto la Lazio è alle prese con la vicenda nuovo portiere, con la trattativa per Carnseecchi che sta andando per le lunghe e un reparto difensivo che va ricomposto.

LEGGI ANCHE: Lazio, è ufficiale. Cancellieri è un nuovo giocatore biancoceleste

Per operare bene però servono giusti fondi e probabilmente una grossa cessione per finanziare il mercato. L’indiziato numero uno è quello di Sergej Milinkovic-Savic, il centrocampista serbo ambito da molti club europei.

La mezzala è ormai una bandiera della Lazio, dove è arrivato nell’agosto 2015 ma è anche il giocatore con più mercato estero e quello dove la società può ricavarne una cifra monstre.

Il DS Tare ha raccolto vari apprezzamenti soprattutto in terra inglese, dove il Chelsea si è mostrato molto interessato a Milinkovic-Savic. Ma secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, nulla di davvero concreto. In casa Lazio offerte ufficiali per il centrocampista non ne sono arrivate.

Se da un lato questo non può che far solo piacere all’ambiente e ai tifosi e alimenta la speranza di una permanenza del giocatore (che ha sempre dichiarato di trovarsi bene alla Lazio), da un altro una sua mancata vendita potrebbe frenare le prospettive di mercato del club biancoceleste e costringere la Lazio a finanziarsi il mercato con vie alternative al serbo.