Nati Oggi: Enzo Francescoli, “El Principe” di Montevideo

Era il 12 novembre del 1961 quando nacque Enzo "El Principe" Francescoli, uno dei più grandi calciatori della storia del Sudamerica.

12/11/2022

08:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo credit should read DOMINIQUE FAGET/AFP via Getty Images)

Il 12 novembre 1961, a Montevideo, nasce Enzo Francescoli. Muove i primi passi nelle giovanili del Montevideo Wanderers, con cui esordisce in prima squadra nel 1980. Nel 1983 passa al River Plate, e in Argentina esplode tutto il suo talento. La prima stagione chiude con 24 reti e il titolo di capocannoniere, ripetendosi l’anno successivo con 25 centri.

Nell’estate del 1986, da Campione d’Argentina, tenta l’avventura europea, accasandosi con il modesto Racing Club de France Football. Oggi in quinta divisione, all’epoca giocava in Ligue 1, il massimo campionato francese. Qui, Enzo Francescoli rimane fino al 1989, segnando 32 reti, giocando nel suo ruolo più congeniale, quello di mezzapunta.

In estate, passa al ben più ambizioso Olympique di Marsiglia. Resta una sola stagione, contribuendo, con 11 reti, alla conquista del titolo di Francia. Dopo il Mondiale del 1990, in cui il suo Uruguay viene eliminato agli ottavi di finale dall’Italia, El Principe decide di rimanere nel Belpaese. Sceglie la Sardegna, e quindi il Cagliari, dove resta per tre stagioni, durante le quali conquista l’amore incondizionato dei tifosi del Sant’Elia.

El Flaco segna meno, gioca quasi sulla linea del centrocampo, ma regala giocate da stropicciarsi gli occhi, ed il suo contributo sarà fondamentale per le due salvezze raggiunte nel 1991 e nel 1992. Il capolavoro, però, insieme a Lulù Oliveira, Cappioli e Pusceddu, lo fa nella stagione 1992/1993, in cui trascina il Cagliari fino al sesto posto ed alla qualificazione in Coppa Uefa. Che Francescoli, però, non giocherà.

Nel 1993, infatti, passa al Torino. In granata segna 3 reti in Serie A, 5 in totale, e l’estate successiva torna al River Plate, il club a cui è rimasto più legato. Tra mille acciacchi, riesce comunque a ritagliarsi tra stagioni a grandi livelli, tornando a vincere a 35 anni, la classifica di capocannoniere, dieci anni dopo l’ultima volta. Nel 1997, decide di appendere gli scarpini al chiodo, lasciando sia il River Plate che la Nazionale. Dell’Uruguay è stato la stella di un ciclo d’oro, che ha portato alla conquista di ben 3 Copa America: nel 1983, 1987 e 1995.

Correlati

Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta, come ogni mattina, in prima pagina! Alla scoperta...

Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta, come...

07:10

30/11/2022

23:32

29/11/2022

Sono stati definiti i primi due ottavi di finale di Qatar 2022 e si può nominare la top 11 di giornata. Sono terminati i gruppi...

Sono stati definiti i primi due ottavi di finale di Qatar 2022 e si può nominare la...

23:32

29/11/2022

Calcio e...

08:30

27/11/2022

Il 1° maggio del 1988, il Milan di Arrigo Sacchi espugna il San Paolo, mettendo una seria ipoteca alla vittoria dello Scudetto....

Il 1° maggio del 1988, il Milan di Arrigo Sacchi espugna il San Paolo, mettendo una...

08:30

27/11/2022

08:00

27/11/2022

Il 27 novembre 1964, a Jesi, nasce Roberto Mancini. Talento precoce e numero dieci naturale, esordisce in serie A a 17 anni, con...

Il 27 novembre 1964, a Jesi, nasce Roberto Mancini. Talento precoce e numero dieci...

08:00

27/11/2022