Primo arbitro donna in Serie A, Rocchi: “Arrivata per merito”

A margine del seminario Ast, Ussi e Aia a Firenze ha parlato il designatore della Serie A Gianluca Rocchi che ha prefissato obiettivi futuri per la classe arbitrale

22/06/2022

18:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

Gianluca Rocchi si è esposto sulla questione di vedere un prossimo arbitro donna nella nostra Serie A. Il responsabile degli arbitri di Serie A e Serie B ha parlato poi in generale della classe arbitrale in questa stagione, che è stata per molti versi complicata per molti direttori di gara.

Serie A, le parole di Rocchi

Queste le parole di Gianluca Rocchi a margine del seminario Ast, Ussi e Aia a Firenze. “Posso garantire che se arriverà ad arbitrare in serie A una donna è perché lo merita, perché è preparata sia dal punto di vista atletico che da quello tecnico. Se arriverà in Serie A è perché avrà meritato la promozione sul terreno di gioco”.

LEGGI ANCHE: Serie A, Zola: “Di Maria e Lukaku alzeranno il livello del torneo”

Sulla stagione appena passata: “E’ stata sicuramente positiva e questo ci fa ben sperare per il futuro perché stiamo investendo molto su un gruppo di ragazzi giovani che almeno dalle prime risposte sembrano ben propensi a diventare arbitri importanti del futuro. Se le critiche arrivano perché ho puntato molto sui giovani arbitri le prendo volentieri“.

Sul Var: “Per assurdo l’arbitro esperto vive la tecnologia probabilmente un po’ meglio perché non ha da dimostrare niente visto che la carriera l’ha già incanalata ed è un arbitro che tutti conoscono per le proprie qualità – ha spiegato Rocchi -. Capisco che un giovane si possa trovare in difficoltà però avere uno strumento così ti fa vivere l’arbitraggio in maniera più serena e anche divertente“.

Sugli obiettivi futuri: “L’obiettivo è lavorare su una ulteriore specializzazione del Var: c’è da lavorare molto perché probabilmente inseriremo dei ragazzi quest’anno che partiranno non dico da zero ma quasi. Quindi ci sarà da fare un lavoro molto profondo ma se le idee che abbiamo ci daranno ragione, nei prossimi 2-3 anni avremo un corpo specialistico di 7-8 elementi che potrebbe essere davvero un grande supporto. Le pretese si sono alzate tanto: il fatto che abbiamo ridotto del 90% gli errori passa inosservato, ci si concentra sul 10% rimanente“.

A poche ore dalle parole di Rocchi è arrivata la notizia nell’aria fin da tempo: ossia che anche in Serie A ci sarà un arbitro donna. Si tratta di Maria Sole Ferrieri Caputi che sarà la prima donna dunque ad arbitrare in A.