Qatar 2022, Lautaro in vista del Messico: “Finale da vincere per Maradona”

Le dichiarazioni in conferenza stampa a Qatar 2022 dell'attaccante dell'Argentina Lautaro Martinez in vista della gara contro il Messico.

25/11/2022

15:41

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by JUAN MABROMATA/AFP via Getty Images)

L’Argentina di Lionel Scaloni è già al primo bivio nei Mondiali di Qatar 2022. Gli argentini dopo la sconfitta all’esordio contro l’Arabia Saudita non possono più sbagliare. Nella giornata di domani, nella gara valida per la seconda partita del Gruppo C l’Albiceleste affronterà il Messico. I messicani dal canto loro sono reduci dal pari contro la Polonia all’esordio. Per i sudamericani in conferenza stampa ha risposto alle domande dei giornalisti il centravanti Lautaro Martinez. Di seguito ecco le sue dichiarazioni.

Qatar 2022
(Photo by JUAN MABROMATA/AFP via Getty Images)

Qatar 2022, Lautaro Martinez: “Siamo fiduciosi”

“Non sentiamo la pressione, abbiamo fiducia nel nostro lavoro. Siamo tranquilli e siamo sicuri che andremo in campo per rappresentare al meglio l’Argentina”.

“Domani sarà una finale, dobbiamo vincerla. Abbiamo dimostrato di essere una squadra organizzata e questo sarà fondamentale per il match contro il Messico”.

“Per molti di noi, quello contro l’Arabia, è stato il debutto assoluto in un Mondiale, c’era ansia ma anche felicità, però una volta che inizia la partita tutto resta alle spalle. Abbiamo perso per errori nostri, adesso siamo positivi. Dopo la partita contro l’Arabia eravamo tristi e abbattuti, però nel Mondiale non c’è tempo per queste cose, e adesso ci tocca affrontare un rivale fortissimo. Siamo concentrati sul questa partita”. 

“Oggi è il giorno del secondo anniversario della scomparsa di Maradona. Abbiamo tutti un pensiero per Diego, lo ricordiamo al meglio. È un giorno triste per tutti e chissà che domani non riusciamo a regalargli una gioia. Avevamo molta fiducia di iniziare il Mondiale vincendo, però abbiamo perso per dettagli ed errori nostri. Adesso comunque è tutto alle spalle e pensiamo al Messico”.