Nuovo stop per Hazard. Il medico: “Infortunio cronico”

04/02/2021

12:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

Non c’è pace per Eden Hazard. Il fantasista belga ha patito un nuovo infortunio muscolare e dovrà osservare un periodo di riposo compreso tra le due e le quattro settimane. In attesa di ulteriori accertamenti clinici, sembra ormai certa la sua assenza per il match di Champions League contro l’Atalanta, in programma il 24 febbraio al Gewiss Stadium di Bergamo. Per Hazard si tratta dell’ennesimo guaio fisico da quando è iniziata la sua avventura con la maglia del Real Madrid, club che lo ha prelevato per 100 milioni di euro dal Chelsea nell’estate 2019. Nonostante il contratto in scadenza l’anno successivo. Prezzo del cartellino, numero di maglia (ha scelto la 7 che un tempo era di Cristiano Ronaldo) e prestazioni deludenti hanno accompagnato Hazard lungo un calvario senza fine.

La ricaduta fisica, però, non si limita ai confini madrileni. Anche il medico della nazionale belga Kristof Sas si è detto allarmato dalla situazione. Queste le sue dichiarazioni ai microfoni di Nieuwsblad: “Aspettiamo di saperne di più, ma è preoccupante. Gli infortuni di altri giocatori, come Praet, Mertens o De Bruyne ora come ora non ci preoccupano per quello che riguarda gli Europei, anzi, per loro è un po’ di riposo. Ma con Hazard è diverso. Sono ricadute croniche e alla fine sta sempre male. All’inizio è stato un problema alla caviglia, ma gli ultimi tre infortuno sono lesioni muscolari. Eden è in un circolo vizioso dal quale non è semplice uscire. Come per qualsiasi atleta d’élite ha bisogno che tutti i suoi gruppi muscolari si allenino al meglio. Un calciatore deve colpire il pallone, dribblare, saltare, e il tutto a grandissima velocità. Un qualcosa di molto complicato durante la riabilitazione. Avremmo preferito che Eden giocasse sempre con il Real, è il miglior modo per arrivare bene all’estate. La situazione non è troppo complicata per noi, ma deve uscire da questo vicolo cieco”.