Roma, Mourinho: “Meritato di vincere: 7 match, 15 punti: bene”

É un Mourinho soddisfatto quello del post-gara contro l'Empoli. Ora la sua Roma si trova in solitaria al quarto posto in classifica.

03/10/2021

20:27

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

É un José Mourinho soddisfatto quello ai microfoni di DAZN che ha analizzato la vittoria della Roma in casa dell’Empoli. I giallorossi hanno subito dimenticato il derby e ottenuto due vittorie: una in Conference League giovedì e l’altra oggi pomeriggio in campionato.

Abbiamo giocato bene, una partita solida e compatta ma non direi tranquilla. Siamo stati in controllo contro una squadra che gioca bene, crea difficoltà agli avversari con i due terzini che vanno altissimi. Abbiamo meritato di vincere, dopo sconfitta fa sempre bene vincere. Sette partite, quindici punti: bene. Ho detto a Zaniolo che è così che un giocatore deve parlare e reagire ad un momento di tristezza, lui si aspettava di andare in Nazionale ma Mancini ha fatto la sua scelta che rispetto. Giocando così può creare positivo al commissario tecnico, questa partita e l’ultima con la Lazio è stato forte fisicamente con iniziativa. Loro hanno giocato a uomo su Pellegrini ed ha creato tanto, abbiamo giocato bene”.

Come gestisce la pressione della città sulla squadra?
Quando noi abbiamo vinto tre partite ho detto che ne abbiamo vinto tre e non trenta. Noi sappiamo chi siamo, quello che vogliamo e la differenza con le squadre che hanno finito ai primi posti negli ultimi anni. Ho lavorato un profilo di lavoro diverso rispetto a quelli che ho avuto sempre, sono molto felice di fare giocare Darboe, Calafiori, Zalewski. Vedo le altre squadre che inseriscono sempre giocatori esperti come l’Inter ieri con Dzeko e Vidal, noi invece dobbiamo fare crescere questi ragazzi e la gente deve capire il nostro percorso. Io ero tranquillo dopo quattro vittorie e sono tranquillo anche dopo la sconfitta nel derby. Quello che mi piace veramente che dopo le due sconfitte i tifosi ci hanno dato sempre lo stesso appoggio“.