Sampdoria, Ferrero prosciolto dal “caso Obiang”

30/10/2020

19:15

• Tempo di lettura: 1 minuto

Tempo di lettura: 1 minuto

(Photo by Chris Ricco/Getty Images)

Il gip di Roma ha assolto, perché il fatto non sussiste, il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero e i suoi coimputati dall’accusa di di appropriazione indebita, autoriciclaggio e utilizzo di fatture false.

L’assoluzione arriva nel contesto di quello che è stato definito il “caso Obiang“: il massimo dirigente dei blucerchiati era accusato di essersi appropriato di un milione di euro delle casse della società, spostando i soldi su un’altra società; il denaro tracciato e protagonista dell’indagine arrivava dalla somma percepita dalla cessione di Pedro Obiang.

Queste le dichiarazioni di Ferrero, arrivate dopo l’assoluzione e rilasciate a Telenord: “Sono felice, non ho fatto nulla e mi hanno rovinato la vita. Ho fatto bene a non scegliere il rito abbreviato, sapevo di essere nel giusto, sono stato coraggioso. Ho sempre creduto nella giustizia e continuerò a farlo“.