Sampdoria, Gabbiadini: “Il gol era mio, cercato il pelo nell’uovo”

Gabbiadini in un'intervista riportata da 'La Gazzetta' commenta il gol del derby che la Lega ha poi definito autogol. Ecco le sue parole.

14/12/2021

10:40

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Getty Images)

Le deviazioni per Manolo Gabbiadini, reduce dal derby di venerdì vinto con la maglia della Sampdoria (1-3), non sono molto amiche e nella scorsa gara ce n’è stata la dimostrazione. Suo il primo e il terzo gol, deviato però da Vanheusden del Genoa. Gabbiadini era riuscito anche a esultare dalla panchina dopo la convalida del gol da parte del Var per presunto fuorigioco. Una doppietta che gli permetteva di entrare nel record come migliore realizzatore del derby della Lanterna, con 5 gol totali, insieme a Adriano Bassetto. Sabato, tuttavia, la Lega designa autogol di Vanheusden. L’attaccante blucerchiato dopo qualche giorno di amarezza adesso riesce anche a ridere sull’accaduto, come riporta un articolo de La Gazzetta dello Sport. Ecco le sue parole durante l’intervista:

La doppietta sfumata nel derby. “Ormai è andata. Resto convinto che fosse gol mio: Vanheusden si è buttato a peso morto in scivolata per opporsi alla palla, mica per giocarla. E’ stato cercato il pelo nell’uovo… Pazienza. Avrei eguagliato il record di gol nel derby: ci riproverò, anche per regalare un’altra gioia ai nostri eccezionali tifosi”.

LEGGI ANCHE: Sampdoria, Gabbiadini ‘rivendica’ la doppietta sui social

I tifosi che nel prepartita invocavano un coro col suo nome. “Davvero? Non ci ho fatto caso perché nel riscaldamento sono sempre molto concentrato. E’ intenso il rapporto che ho con loro. Sicuramente a fine carriera tra i ricordi più belli ci saranno proprio le reti nel derby perché vedere così felici i nostri tifosi è impagabile”.

Tre gol consecutivi, due di testa. Gioco aereo in allenamento? “Non particolarmente. Se arriva un bel cross, è più facile perché devi solo direzionare la palla. Però in area ormai so muovermi discretamente”. Obiettivi personali. “Stare bene fisicamente e giocare con continuità. Il resto, poi, viene da sé, come dimostra l’ultimo periodo”.

È dunque la seconda volta che al giocatore della Samp viene annullato in seguito un gol, era infatti accaduto nel settembre 2013, durante Cagliari-Sampdoria finito 2-2.