Serie A, la sosta per le Nazionali porta tanti infortuni

Diverse squadre devono fare i conti con stop forzati di alcune pedine fondamentali per gli infortuni occorsi in giro per il mondo.

26/09/2022

18:40

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by FRANCK FIFE / AFP) (Photo by FRANCK FIFE/AFP via Getty Images)

È una sosta per le Nazionali piena di infortuni, quella della Serie A. Diversi club devono fare i conti con stop forzati di pedine importanti. Tante le squadre coinvolte e problemi in alcuni casi anche molto seri.

inter esami brozovic
(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Infortuni in Nazionale, Serie A decimata

Tanti club devono fare i conti con gli infortuni riportati in Nazionale dai propri giocatori. E in alcuni casi anche gravi. Come quelli di Mike Maignan e Marcelo Brozovic, che costringeranno rispettivamente Milan e Inter a fare a meno di loro per almeno un mese. Entrambi hanno riportato una lesione muscolare – al polpaccio il francese, alla coscia il croato – e Pioli e Inzaghi sono obbligati a cambiare i loro piani. I rossoneri devono valutare anche Theo Hernandez e Sandro Tonali.

LEGGI ANCHE: Inter, confermato lo stop per Brozovic: l’esito degli esami

La Juventus ha visto una delle sue poche note liete, ossia Fabio Miretti, tornare dalla Nazionale Under 21 con un trauma distorsivo alla caviglia. Niente di troppo grave, sembra, ma difficilmente il giovane italiano sarà a disposizione per la sfida con il Bologna. Preoccupazione anche per la Lazio, con Ciro Immobile che ha saltato Italia-Inghilterra per un problema muscolare e non è partito con i compagni alla volta di Budapest.

Per l’Atalanta doppia tegola. E se per Teun Koopmeiners dovrebbe riprendersi dopo la botta alla testa ed essere a disposizione per la gara con la Fiorentina, per Merih Demiral saranno necessari ulteriori accertamenti per le noie muscolari lamentate dal difensore turco. Gotti perde Kovalenko e Reca per il suo Spezia, mentre il Torino dovrà fare a meno di Pietro Pellegri per almeno tre settimane.