Spagna-Francia 1-2: Benzema e Mbappé griffano la Nations League

Benzema e Mbappé portano a Parigi la Nations League. Superata una Spagna bella, giovane. Francia cinica e esperta in rimonte.

10/10/2021

22:41

• Tempo di lettura: 4 minuti

Tempo di lettura: 4 minuti

(Photo by Mike Hewitt/Getty Images

Atto finale di UEFA Nations League: sul terreno del ‘Giuseppe Meazza’, Spagna e Francia si affrontano nella notte milanese. I galletti di mister Deschamps per riscattare la delusione di Euro2020, mentre la nuova golden generation iberica vuole iniziare subito a vincere grandi competizioni.

LE FORMAZIONI. Luis Enrique si presenta sul palcoscenico di San Siro con il consueto 4-3-3: Eric Garcìa prende il posto di Pau Torres a fianco dell’ex ‘francese’ Laporte, in cabina di regia il veterano Busquets coordina il luogotenente Rodri e il giovane blaugrana Gavi. In avanti Ferran Torres, mattatore degli azzurri in semifinale, Sarabia e Oyarzabal falso nueve. I transalpini si schierano con un 3-4-1-2: nel terzetto di difesa Kimpembe rileva Lucas Hernandez, mentre il fratello Theo si tiene la corsia mancina. Orfano di Rabiot, fermato dal Covid, Deschamps da’ le chiavi del centrocampo a Pogba e Tchouameni; davanti Griezmann a innescare Mbappé e Benzema.

LEGGI ANCHE: Busquets, la Nations League per conquistare una singolare ‘tripletta’

LA PRIMA FRAZIONE. La sfida fra le due formazioni, di nuovo una finale dopo quella europea del 1984 griffata Platini e Bellone, si apre con un’arrembante serie di duelli a metà campo. Al 5′ palla immaginifica di Pogba, Benzema scatta oltre la difesa roja e scarta tutti ma non Unai Simon, bravo a portarlo sull’esterno. Il pallone messo in mezzo dal madridista viene spazzato in angolo. Soffre la Spagna, i francesi al 7′ giocano sul velluto alla Scala del Calcio: da Theo a Benzema, per Pogba che apre su Pavard: tutto di prima, la Spagna si rifugia ancora in angolo. All’11esimo prima risposta delle Furie Rosse: costruzione da dietro di Azpilizueta che pesca Ferran Torres, il fantasista del City serve Sarabia che taglia, ma la sua conclusione è smorzata da Varane. Alla mezzora episodio dubbio: possibile mano di Koundé, ma il Var nega il rigore. Al 35′ punizione dalla trequarti per la Roja: il tiro di Marcos Alonso si spegne alla sinistra di Lloris. Sul finire di tempo Spagna più pericolosa: Ferran mette in mezzo una palla che Varane chiude in angolo; proprio su questo allungo si infortuna il numero 4 francese. Cambio forzato allora al 41′ per Deschamps: fuori proprio Varane, e dentro Upamecano. Terminano 0-0 i primi 45′: non si segnalano tiri in porta.

LA RIPRESA si apre con maggior garra. Al 53′ doppia azione: Koundé sbaglia il tempo e Sarabia mette un pallone su cui nessuno però interviene. Sulla ripartenza Pogba prova a imbeccare un compagno in area, Laporte la sbroglia. Al 60′ fuori il poco incisivo Sarabia, dentro il 18enne Yeremy Pino: Luis Enrique abbassa ulteriormente l’età media della sua formazione. Al 65′ si sblocca il parziale: Busquets serve Oyarzabal che supera i difensori francesi e porta in vantaggio le Furie Rosse. Il vantaggio però non dura più di un minuto: sulla rimessa in gioco la palla arriva a Benzema, che entra in area e fulmina Simon con una parabola fantastica. 1-1 e le squadre si aprono: la Spagna si scopre e Mbappé in ripartenza ha una chance, ma il suo tentativo di pallonetto si spegne sul fondo. Al 71′ ancora palla a Mbappé: tiro debole fra le braccia del portiere. Ma la Francia ormai è esperta in rimonte: all’80’ si sgancia male la difesa spagnola, Mbappé si libera in dribbling e si lascia i marcatori alle spalle. A tu per tu con Unai Simon non sbaglia: è il gol del 2-1 francese. Convalida il VAR, nessun fuorigioco. All’88’ ancora Oyarzabal: trovato a centroarea, il giocatore della Real Sociedad tira a colpo sicuro ma si distende Lloris. Cinque di recupero e un ultimo angolo su cui salta anche Unai Simon non bastano alla Spagna, piegata dai tenori francesi. Il talento transalpino riesce ad aver così la meglio sul collettivo spagnolo. Finisce 1-2 a San Siro.

Nazionali

14:40

20/10/2021

Lo scontro UEFA-FIFA non sembra volersi placare. Dalla Superlega all’idea Mondiale ogni due anni, sovrapponendosi...

Lo scontro UEFA-FIFA non sembra volersi placare. Dalla Superlega all’idea...

14:40

20/10/2021

12:20

20/10/2021

Il 12 novembre potrebbe diventare una data storica per l’Italia. La nazionale di Mancini, con una vittoria sulla Svizzera,...

Il 12 novembre potrebbe diventare una data storica per l’Italia. La nazionale...

12:20

20/10/2021