Sturm Graz-Lazio, Sarri: “Scudetto? Se la squadra ascolta…”

Il tecnico della Lazio ha presentato in conferenza stampa il match di domani contro lo Sturm Graz, valido per la fase a gironi dell'Europa League.

05/10/2022

18:51

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images)

Il tecnico della Lazio, Maurizio Sarri, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro lo Sturm Graz, valido per la fase a gironi dell’Europa League. Ecco le sue dichiarazioni in merito alla sfida, riportate da TMW.

(Photo by Marco Rosi – SS Lazio/Getty Images)

Sturm Graz-Lazio, le dichiarazioni di Sarri

Ha trovato la soluzione per la continuità?
“Mi danno soddisfazione le prestazioni dei miei calciatori, quello che si dice fuori mi fa piacere, ma mi interessa poco. La Lazio sta bene, sta giocando bene dall’inizio, abbiamo sbagliato una partita. Dopo la vittoria con il Feyenoord abbiamo pensato che forse sarebbe stato facile, in Europa non è così. Qui se non giochi al massimo ne paghi le conseguenze. Non abbiamo giocato al 100%. La Lazio comunque sta bene, su 10 partite ha fallito solo quella in Danimarca. Le altre, al di là del risultato, le ha tutte giocate”.

LEGGI ANCHE: Udinese, Udogie: “Il razzismo? Vi spiego cosa ne penso”

Qualcuno parla di Lazio da scudetto…
“Siamo all’inizio. A livello tattico siamo a buon punto. Il percorso sulla mentalità invece lo abbiamo ripreso da zero, stiamo cercando di crescere sotto questo punto di vista. La più grande cazzata che possono fare i giocatori è ascoltare chi parla di scudetto. Purtroppo Roma è specializzata in questa esaltazione e poi nel ritorno nella polvere in una settimana. Per essere competitivi, non vincenti, dobbiamo ancora crescere tanto”.

La rosa della Lazio è pronta per 3 competizioni?
“In questo momento no, spero che sia così tra qualche mese”.

(Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Sulle condizioni degli infortunati

Come sta Romagnoli? Non lo ha mai schierato per 3 partite consecutive in una settimana. E lunedì c’è la Fiorentina…
“Decidiamo intanto per la partita di domani, la partita di Firenze adesso non ci interessa. Viene da un’annata complicata, ha giocato poco e ha avuto tanti infortuni, dei problemi agli adduttori e un inizio di pubalgia. Ha fatto un percorso per stare bene. Non mi sembrava il caso di metterlo a rischio con le tre partite a settimana, adesso sta meglio, decidiamo domani mattina su chi giocherà”.

Immobile non è al meglio, può rifiatare domani?
“Non lo so, i primi che stiamo prendendo in considerazione per far riposare sono quelli che hanno giocato tutta la partita domenica. Ieri e oggi Immobile stava bene in allenamento”.

Pedro come sta?
“Ha fatto un inizio di stagione con delle difficoltà, non ha avuto continuità per dei problemi fisici. Ora da qualche giorno è con noi per fortuna, è chiaro che lo stiamo aspettando. Per noi è importantissimo”.

Gila a che punto è?
“È giovane, non è stato presentato nella maniera giusta. È come comprare un giocatore della Juventus U23 e presentarlo come giocatore della Juventus. No, lui l’anno scorso giocava nel Real Madrid Castiglia. Sta comunque facendo un percorso meraviglioso, ha personalità e tante qualità, anche tecniche. Tutta la linea difensiva sta facendo meglio, ma aspettiamo un po’, è ancora una valutazione parziale”.