Connect with us

SuperLeague

Superlega, Christillin critica Agnelli: “Il progetto è stato un grosso errore”

Pubblicato

il

Superlega

Evelina Christillin, membro del consiglio FIFA e amica intima della famiglia Agnelli, è tornata a criticare l’ex presidente della Juventus, Andrea, per l’idea di far nascere il progetto Superlega. Di seguito le sue dichiarazioni alla Gazzetta dello Sport.

Superlega, Christillin critica Andrea Agnelli

Superlega

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

SUPERLEGA –Ero molto provata e andai a piangere sulla tomba dei miei genitori. È stata una delle peggiori esperienze della mia vita: è stato drammatico, non sto esagerando. Dopo aver passato una vita al fianco della famiglia Agnelli, e con il senso di profonda gratitudine che provo in particolare per l’Avvocato Gianni e suo fratello Umberto, mi sono trovata in una situazione molto difficile. Io sono una grande tifosa juventina, ma il progetto della Superlega era un grave errore”.

LA FINE – Mi sembra sia stata pronunciata la parola fine. Alla base del ricorso c’era il teorico abuso di posizione dominante da parte di Uefa e Fifa e adesso è chiaro che così non è. La Superlega era nata male. Tutte le istituzioni politiche e sportive si sono schierate dalla parte dell’Uefa, ma sono stati soprattutto i tifosi con la loro immediata protesta a prendere una posizione netta e inequivocabile. I club fondatori della Superlega non avevano tenuto in considerazione proprio loro, i tifosi.Cioè le persone a cui il calcio si rivolge e che non hanno alcun interesse se non il rapporto viscerale con la loro squadra”.

Rapporti UEFA-Juventus

Ceferin

(Photo by Jurij Kodrun/Getty Images)

NUOVI RAPPORTI –Penso proprio di sì. Non ci sono preclusioni da parte dell’Uefa. La Juve, intanto, ha già cambiato il management. A Parigi, in occasione della finale di Champions del 2022, il presidente del Real Perez era seduto accanto al presidente dell’Uefa Ceferin. I club adesso sanno che si tratta semplicemente di fare una scelta. Ci sono articoli precisi nello statuto dell’Uefa a cui bisogna attenersi. Ma nessuno ha il coltello tra i denti, nessuno vuole vendette, si guarda avanti per fare il bene del calcio”.

TRADIMENTO AGNELLI –Tradita no, però avevo il cuore diviso a metà.Non avrei potuto comportarmi diversamente da come ho fatto, è stata la decisione giusta. Ma questo non cambia nulla per quanto riguarda il mio affetto e la mia gratitudine per la famiglia Agnelli e il tifo per la Juve: la società e la squadra si riprenderanno rapidamente. Sa come diciamo noi in questi casi, vero? Fino alla fine”.

Advertisement
Advertisement