Venezia, Zanetti: “Io l’allenatore più giovane, ma vi farò divertire”

L'allenatore del Venezia, Paolo Zanetti, ha parlato ai microfoni de La Gazzetta dello Sport della sua squadra e dell'identità di gioco che vuole dargli in Serie A.

22/07/2021

13:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

Photo Paola Garbuio/LaPresse

Nella scorsa stagione è riuscito nell’impresa di portare il Venezia in Serie A ed ora si appresta ad iniziare il massimo campionato italiano con la targhetta di “allenatore più giovane” tra i suoi 19 colleghi (lo era stato anche in Serie C ed in Serie B). Paolo Zanetti, 38 anni, ha parlato della sua filosofia di gioco sulle pagine de La Gazzetta dello Sport, con un unico obiettivo, quello di far divertire tutti: “Non sono un predestinato, ma sono abituato a questa condizione: ho iniziato molto presto, sono arrivato in Serie A scalando tutte le categorie. Mi inorgoglisce essere il più giovane, sono arrivato qui facendo la gavetta, senza che nessuno mi abbia regalato niente. Sarò un debuttante, è vero, ma ho un po’ di esperienza alle spalle“.

Una continua evoluzione, quella di Paolo Zanetti, sia nel gioco che nell’identità: “Sono partito giocando in tutti i modi per necessità, perché un allenatore deve conoscere il calcio a 360 gradi. Sono i calciatori che determinano l’identità della squadra, che deve essere comunque ben precisa. Bisogna essere bravi ad adattarsi, lavorando su principi che devono essere fedeli al sistema di gioco. A chi mi ispiro? Ho sempre studiato molto e seguito ed ammirato tutti gli allenatori importanti. E’ importante stare al passo, aggiornarsi. Non ho un tecnico particolare di riferimento, con grande umiltà costruisco la mia identità imparando un po’ da tutti. Quelli che mi divertono di più sono però De Zerbi e Gasperini“.

LEGGI ANCHE: Calciomercato, trattative ed ufficialità del 22 luglio

Ora c’è da affrontare la Serie A, dopo la promozione: “Devo vedere che squadra avrò, siamo un cantiere aperto. Inizialmente dovremo puntare su una identità forte, poi proveremo a cercare varianti. Saremo camaleonti per la proposta offensiva, non in difesa. Vogliamo trarre vantaggio dalla costruzione dal basso, come l’anno scorso. Cercheremo di proporre un calcio divertente, anche se sappiamo che ci sarà da soffrire: gioco offensivo e piacevole.

Correlati

23:20

21/07/2021

Sarà una Serie A che si presenterà con 12 nuovi allenatori ma ai nastri di partenza mancano, da ormai diversi anni, alcuni nomi...

Sarà una Serie A che si presenterà con 12 nuovi allenatori ma ai nastri di...

23:20

21/07/2021

21:20

21/07/2021

Anche questo 21 luglio è stato caratterizzato da diverse amichevoli delle squadre di Serie A, le quali si stanno preparando per...

Anche questo 21 luglio è stato caratterizzato da diverse amichevoli delle squadre...

21:20

21/07/2021

Serie A

15:40

04/08/2021

Questa mattina, alle ore 12:00 è andata in scena, al Complexo Desportivo Belavista, l’amichevole tra...

Questa mattina, alle ore 12:00 è andata in scena, al Complexo Desportivo Belavista,...

15:40

04/08/2021

14:45

04/08/2021

Christian Eriksen è tornato ad Appiano Gentile dopo le cure a causa dell’arresto cardiaco subito durante...

Christian Eriksen è tornato ad Appiano Gentile dopo le cure a causa...

14:45

04/08/2021