Accadde oggi: muore Dino Viola, storico presidente della Roma

Il 19 gennaio del 1991 muore Dino Viola, il presidente del secondo scudetto della Roma.

19/01/2022

08:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Il 19 gennaio 1991 il mondo del calcio piange la scomparsa di Dino Viola, storico presidente della Roma del secondo scudetto. Nato in Lunigiana, studia e cresce a Roma sin dall’adolescenza, e alla Capitale rimarrà legato per tutta la vita. Dopo la laurea in ingegneria, è in Veneto che va a fare fortuna. Punta sulla meccanica di precisione, su cui costruisce una vera e propria fortuna. Nei primi anni Settanta, Dino Viola entra nei quadri dirigenziali della Roma, che rileva nel 1979 dal presidente Anzalone, in grave difficoltà finanziaria. Per la storia giallorossa è un vero e proprio spartiacque, perché Dino Viola sarà un presidente ambizioso e vincente.

Negli anni sotto la sua guida, la Roma vince quattro Coppe Italia e lo scudetto del 1983, sfiorando, la stagione successiva, la Coppa dei Campioni. I giallorossi si inchinano, ai rigori, al Liverpool, ma quella serata del 30 maggio 1984 rimarrà per sempre nella storia romanista. Nella Capitale, in  quegli anni, passano fior fiore di campioni, da Falcao a Boniek, da Cerezo a Aldair, da Voller a Conti. Popolare e amato almeno da mezza città, nel 1983, sull’onda dello scudetto, si candida al Senato con la Democrazia Cristiana, tra le cui fila siederà a Palazzo Madama fino al 1987.

LEGGI ANCHE: Salernitana su Santon, ma il giocatore deve rescindere con la Roma

Con la morte di Dino Viola, la Roma passa per un breve periodo sotto la guida della moglie Flora, prima di finire nelle mani di Giuseppe Ciarrapico. Nel 1993, a rilevare la squadra giallorossa sarà Franco Sensi, l’unico in grado, nei cuori dei tifosi e negli almanacchi, di poter competere con il ricordo di Dino Viola. Nei diciotto anni sotto la gestione della famiglia Sensi, la Roma torna a vincere lo scudetto, il terzo e ultimo, nel 2001. E all’Olimpico, oltre al simbolo e capitano Francesco Totti, passano campioni del calibro di Gabriel Omar Batistuta, Cafu, Montella, Emerson. Sensi e Viola, insieme a Renato Sacerdoti, sono anche i due presidenti più longevi della storia

Correlati

In vista della sfida di Coppa Italia tra Sassuolo e Cagliari, l’allenatore dei rossoblù Walter Mazzarri ha diramato la...

In vista della sfida di Coppa Italia tra Sassuolo e Cagliari, l’allenatore dei...

20:45

18/01/2022

20:30

18/01/2022

Saper reagire alle situazioni di svantaggio è la base di ogni buona squadra. Il sito Transfermarkt.it ha stilato una classifica...

Saper reagire alle situazioni di svantaggio è la base di ogni buona squadra. Il...

20:30

18/01/2022

Calcio e...

Cinquantacinque anni fa l’ultimo trofeo della Grande Inter di Angelo Moratti: il 4-1 sulla Lazio a San Siro regalò il decimo...

Cinquantacinque anni fa l’ultimo trofeo della Grande Inter di Angelo Moratti: il...

08:30

15/05/2022

La carriera da calciatore di Patrice Evra, nato il 15 maggio 1981 a Dakar, parte dall’Italia. Evra viene scovato da...

La carriera da calciatore di Patrice Evra, nato il 15 maggio 1981 a Dakar, parte...

08:00

15/05/2022