Connect with us

Serie A

Atalanta, parla Gasperini: “Scudetto? Non possiamo competere. Ma la Coppa Italia…”

Published

on

Atalanta Gasperini

L’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini è inervenuto ai microfoni di Radio Rai 1 per commentare l’ottimo momento della Dea in campionato. Attualmente gli orobici sono secondi in classifica a 24 punti, a -2 dal Napoli capolista e assieme ai parrtenopei sono l’unica squadra ancora imbattuta in campionato. Di seguito le parole del tecnico riportate su TMW.

Atalanta Gasperini

(Photo by Emilio Andreoli, Onefootball.com)

Atalanta, parla il Gasp: “Siamo cambiati perché abbiamo molti volt nuovi. Abbiamo tanta qualità da esprimere”

Il legame con Bergamo

Non è una cosa usuale nel nostro campionato che un allenatore rimanga per così tanto tempo nello stesso club. Qui c’è un ambiente ideale per lavorare e con tante soddisfazioni“.

I rientri di Toloi e Zapata 

Spero presto. Zapata da domani dovrebbe tornare con la squadra e quindi potrebbe essere disponibile dalla prossima partita. Per Toloi ci vorrà una settimana in più ma finalmente stiamo svuotando l’infermeria“.

Lo stato di forma della squadra 

Qualcuno dice che ha l’Atalanta ha cambiato pelle ma devo dire che è cambiata molto la squadra. Alcuni giocatori sono andati via, altri non li abbiamo ancora avuti in questa stagione. È evidente che c’è stato un cambiamento nella squadra importante, però quello che ci ha permesso di fare risultati buoni ha aiutato anche i nuovi inserimenti, soprattutto giovani, a trovare fiducia. Penso e spero che nel tempo questa squadra possa crescere sul piano del gioco come fatto nel recente passato. Difficile avere risultati migliori di quelli avuti, ma l’inserimento di questi giovani lascia sperare che questa squadra abbia una maggiore qualità da esprimere“.

La chimera Scudetto e l’obiettivo Coppa Italia

È chiaro che la Coppa Italia sia il traguardo più raggiungibile. Non è che possiamo mettere l’obiettivo di vincere il campionato. Poi le coppe europee sono più difficili da conquistare anche se l’anno scorso la Roma ha vinto in Conference. Le squadre italiane in Europa sono in difficoltà. In Coppa Italia siamo arrivati in finale due volte, senza vincere. Ma è la coppa più raggiungibile“.

La sorpresa Lookman 

Nonostante sia un ragazzo giovane, è evoluto. Io gli assegno 5 gol perché ha segnato anche a Monza. E’ un ragazzo che è cresciuto col Lipsia, ha avuto esperienza in Inghilterra. Quando è arrivato da noi ho avuto la sensazione di un giocatore evoluto che conosce il calcio e che è entrato subito nei nostri meccanismi. E’ un giocatore inserito che non ha bisogno di altri tempi per dare un contributo straordinario“.

La stagione con il Mondiale di mezzo 

Quest’anno è una stagione anomala per il Mondiale. Ho la sensazione che tutti stiano interpretando queste ultime cinque partite come un finale di campionato. Tutti vogliono raggiungere la miglior posizione per poi ripartire bene a gennaio. È difficile fare confronti con le stagioni precedenti. Ci sono delle stagioni dove abbiamo fatto meglio prima e altre meglio dopo. L’anno scorso il Napoli pensavo potesse vincere lo scudetto e invece poi è stata la prima ad avere un calo. Basta una giornata o due per cambiare il morale della squadra. noi abbiamo il vantaggio che senza obiettivi precisi possiamo pensare alla crescita senza guardare la classifica“.

Gasp allontana la lotta al titolo… 

Il mondo del calcio spinge in tutt’altre direzioni, verso squadre con più seguito, che sembra il primo requisito per competere. Noi non possiamo dire, con le nostre risorse, che lottiamo per lo scudetto. Questa è la realtà di cui dobbiamo prendere atto. Punteremo alla Coppa Italia. Per quanto mi riguarda, arrivare in Champions per tre anni vuol dire aver acceso tutti i riflettori“.