Bologna, Di Vaio: “L’esonero di Mihajlovic? Vi spiego il perchè”

Il direttore sportivo del Bologna, Marco Di Vaio, ha spiegato al Corriere dello Sport i motivi dell'esonero di Mihajlovic.

29/09/2022

10:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

Il direttore sportivo del Bologna, Marco Di Vaio, ha rilasciato un’interessante intervista al Corriere dello Sport, in cui ha parlato del momento della squadra e della situazione societaria, soffermandosi in particolar modo sull’esonero di Sinisa Mihajlovic. Ecco le sue dichiarazioni, estratte dalle pagine del suddetto quotidiano.

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Bologna, Di Vaio spiega i motivi dell’esonero di Mihajlovic

Sull’addio di Sinisa
“L’esonero di Mihajlovic era inevitabile, perché via via che passavano le partite più le nostre preoccupazioni crescevano. Ci siamo dati tanto noi e Sinisa, ma quello era un atto da fare per il bene del club e della squadra. Aspettare due partite? Quando hai preso una decisione e non hai più sensazioni positive, perché devi aspettare magari una sconfitta per separarti?”. 

LEGGI ANCHE: Il Sassuolo ha le polveri bagnate: il dato statistico è preoccupante

Quando vi siete resi conto che era il momento di cambiare?
Dalle prime partite internazionali, dalla sconfitta di Roma contro la Lazio. Una squadra con maggiori certezze avrebbe fatto risultato. Si sono presentate situazioni molto scottanti, e devo dire che la presenza a Bologna del presidente ha facilitato il nostro lavoro”.

(Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

 Arnautovic e il mercato

Arnautovic alla Juve?
«Abbiamo fatto un grande lavoro con Marko, in ogni attimo gli abbiamo evidenziato la nostra stima. La Juve non ce lo ha mai chiesto direttamente, ma il Manchester United sì, eccome».  
 
Per fortuna i tifosi hanno fatto sapere di non gradire il suo arrivo.  
«No, no, il Manchester non si è ritirato per colpa di quei tifosi, ma solo perché Arnautovic ha capito di essere al centro del nostro progetto oggi e nei prossimi anni. Marko si è comportato da campione vero, essendosi reso conto di quello che rappresenta per il Bologna e per Bologna».  
 
Cosa rappresenta per il Bologna?  
«Un punto di riferimento in campo e fuori. Mi ha sorpreso per il suo coinvolgimento, per come sta aiutando anche i calciatori più giovani. Marko è molto inglese, dà sempre tutto. Tra l’altro ha anche cambiato atteggiamento nei confronti del gol».  

Correlati

09:30

29/09/2022

In casa Inter continua a tenere banco la vicenda legata al rinnovo di Milan Skriniar, ritenuto un passo fondamentale per la...

In casa Inter continua a tenere banco la vicenda legata al rinnovo di Milan...

09:30

29/09/2022

Il duello infinito fra Messi e Cristiano Ronaldo continua a riempire di gioia tifosi ed appassionati di tutto il mondo, quasi...

Il duello infinito fra Messi e Cristiano Ronaldo continua a riempire di gioia tifosi...

09:00

29/09/2022

Serie A

13:21

03/12/2022

Rinnovo per Isaac Success con l’Udinese. L’attaccante dell’Udinese ha firmato un contratto fino al 2024....

Rinnovo per Isaac Success con l’Udinese. L’attaccante...

13:21

03/12/2022

13:06

03/12/2022

Marco Zaffaroni è il nuovo allenatore dell’Hellas Verona. Sarà infatti lui ad affiancare Bocchetti alla guida della...

Marco Zaffaroni è il nuovo allenatore dell’Hellas Verona. Sarà infatti lui...

13:06

03/12/2022