Brighton, De Zerbi: “Arrivo in punta di piedi. Guardiola mi ha detto che…”

Il nuovo manager dei Seagulls si presenta: "Il lavoro di Potter mi facilita, questa squadra uno stimolo. Arrivo nel campionato migliore al mondo".

20/09/2022

19:20

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by SERGEI SUPINSKY/AFP via Getty Images)

Roberto De Zerbi è il nuovo manager del Brighton. Dopo l’annuncio ufficiale, il tecnico italiano si presenta alla stampa inglese. Raccontando di come è nata la scelta di sposare il progetto dei Seagulls. E non solo.

Brighton, De Zerbi: “Vedo similitudini con il Sassuolo”

Roberto De Zerbi si presenta. Il neo manager del Brighton non vede l’ora di iniziare: “Il Brighton mi ha voluto fortemente, ha uno stile di gioco molto simile a quello che ho in mente, avevo altre possibilità ma quando il Brighton mi ha chiamato mi ha convinto. Ci siamo trovati immediatamente“. L’italiano ha poi aggiunto: “Il lavoro fatto da Potter mi facilita, i giocatori hanno le caratteristiche giuste per quello che voglio. Prendo una squadra quarta in classifica e questo è uno stimolo maggiore”.

De Zerbi ha ricevuto un benvenuto speciale: “Ho parlato con Pep Guardiola domenica. Mi ha detto che è felice che sia arrivato qui e mi aiuterà se ho bisogno di qualcosa. A parte quando giochiamo contro. È un allenatore inarrivabile“.

L’obiettivo è chiaro: “Migliorare il risultato dell’anno scorso quindi stare nelle prime dieci posizioni del campionato“. Sui giocatori: “Ho visto tutte le ultime gare di campionato e devo dire che abbiamo giocatori forti. Li ho studiati tutti singolarmente, la squadra in campo sa cosa fare e ha uno stile ben chiaro ma c’è sempre da migliorare“.

Infine, De Zerbi spiega come vuole entrare nello spogliatoio: “Qualcosa da portare di nuovo ce l’ho senza stravolgere niente. Per me questa è una grande sfida, arrivo nel campionato più importante del mondo. Per me è un orgoglio essere in questo club. Arrivo in punta di piedi ma con la mia personalità e per fare quello che sono capace. Portandomi dietro le mie esperienze. Credo ci siano similitudini con il Sassuolo“.