Calciomercato, quando le neopromosse non badano a spese

Tante le squadre che, una volta raggiunta la massima serie, investono cifre importanti nella costruzione della rosa.

18/07/2022

09:20

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo credit should read PASCAL POCHARD-CASABIANCA/AFP via Getty Images)

Quando le neopromosse sono protagoniste nel calciomercato. È questa l’interessante ricerca di Sky Sport, che stila la classifica delle 20 squadre più spendaccione, una volta raggiunta la massima serie.

calciomercato neopromosse
(Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

Il calciomercato delle neopromosse, tanta Premier e due italiane

Tantissime squadre di Premier League, ovviamente. Ma anche due italiane ed una sorpresa – ma neanche tanto – in testa alla classifica. La top 20 delle squadre neopromosse che hanno speso di più sul mercato – dati di Tranfermarkt – evidenzia come le squadre che vengono promosse dalla Championship abbiano a disposizione fin da subito dei budget molto importanti. Ad aprire questa classifica c’è però un’italiana. La Fiorentina della stagione 2004-05, che spese 49.5 milioni di euro. Il colpo più importante fu Valeri Bojinov, che arrivò dal Lecce a gennaio per 14 milioni di euro.

LEGGI ANCHE: Mercato Serie A: tutti gli affari ufficiali dei club italiani

Poi, tantissima Inghilterra. A cominciare dal Norwich, che nel 2015 spese 50.5 milioni di euro, e dal Fulham con i suoi 50.6 milioni nel 2001. Il Bournemouth nel 2015 ne spese 55.11, mentre l’Huddersfield nel 2017 arrivò a 56.75. Ancora il Norwich in classifica, con i suoi 64 milioni spesi l’anno scorso, seguito dal Sunderland del 2007 – 64.32 milioni. Il Brighton nel 2017 investì 66.5 milioni, superato dal Nottingham Forest che in questa sessione di mercato ha già raggiunto i 69 milioni – e aumenterà sicuramente.

All’undicesimo posto c’è un’altra italiana, la Juventus, che nel 2007 spese 69,45 milioni – il portoghese Tiago l’investimento più costoso -, mentre al decimo c’è lo Sheffield United con 70.5 milioni. Il Tanjin Tianhai nel 2016 per la promozione in Chinese Super League investì 74.99 milioni – di cui 20 per comprare Axel Witsel dallo Zenit -, superato dall’Hebei FC che l’anno precedente arrivò a 77.88 milioni – la Roma ne incassò 18 per Gervinho. Al settimo posto si torna in Inghilterra, con il Watford dei Pozzo a spendere 82.8 milioni nel 2015, mentre al sesto troviamo il Lipsia del 2016 – 95.15 milioni investiti.

La top 5 dei più spendaccioni

La top 5 si apre con il Leeds del 2020 con i suoi 106.8 milioni di euro spesi – 30 per il flop Rodrigo. Il Wolverhampton nel 2018 concluse il suo mercato con 112.75 milioni, mentre il gradino più basso del podio è appannaggio del Fulham con 116.5 milioni spesi nel 2018. Al secondo posto c’è l’Aston Villa del 2019 con 159.5 milioni, ma il primo posto se lo aggiudica il Monaco. Acquistato dall’oligarca russo Dmitrij Rybolovlev nel 2011, due stagioni più tardi conquista la Ligue 1 e acquista gente del calibro di James Rodriguez, Joao Moutinho e Radamel Falcao, arrivando a spendere 160.7 milioni di euro.

 

Correlati

Il mercato è entrato nel vivo, in Italia ma anche all’estero. Ecco il tabellone completo degli affari ufficiali conclusi dai...

Il mercato è entrato nel vivo, in Italia ma anche all’estero. Ecco il tabellone...

19:17

18/08/2022

Il calciomercato entra nel vivo, in Italia ma anche all’estero. Ecco il tabellone completo degli affari ufficiali conclusi...

Il calciomercato entra nel vivo, in Italia ma anche all’estero. Ecco il...

19:18

18/08/2022