Eintracht-Rangers 5-4 (dcr): i tedeschi si prendono l’Europa League

L'Eintracht Francoforte vince l'Europa League e conquista il secondo trofeo internazionale della sua storia.

19/05/2022

00:06

• Tempo di lettura: 4 minuti

Tempo di lettura: 4 minuti

(Photo by PIERRE-PHILIPPE MARCOU/AFP via Getty Images)

Siviglia risplende di magia europea, permeata dalla frizzantezza che contraddistingue i più imponenti eventi sportivi e pronta ad accogliere le due cenerentole Eintracht e Rangers. La finale di Europa League di questa stagione si presenta al pubblico particolarissima e alquanto inaspettata, dato che le due squadre non erano minimamente quotate per l’approdo all’ultimo atto del torneo. I tedeschi hanno fulminato il Barcellona al Camp Nou, in un match che ha poi determinato il calo degli uomini di Xavi, mentre i ragazzi di van Bronckhorst hanno eliminato il Lipsia dalla competizione, mostrando organizzazione, resilienza e grande determinazione.

(Photo by PIERRE-PHILIPPE MARCOU/AFP via Getty Images)

Eintracht-Rangers: la cronaca dei tempi regolamentari

Gli uomini di Glasner partono con grande aggressività, aggredendo gli scozzesi altissimi e cercando insistentemente la giocata verticale. I Rangers puntano invece sulla solidità e un’ordinata occupazione del campo, attendendo gli spazi giusti per dei contropiedi fulminanti. Intorno al 5′ minuto arriva un infortunio per Rode, che viene medicato in campo in seguito ad un taglio sulla fronte. Al minuto 11′ arriva la prima occasione della partita: Kamada approfitta di un errore difensivo degli avversari e si presenta a tu per tu con McGregor, ma temporeggia troppo e spreca. Tavernier e Kostic sono le due stelle assolute del match, e le manovre delle due compagini passano quasi sempre dai loro piedi, generando dei bellissimi duelli sugli esterni.

LEGGI ANCHE: Benfica, ufficiale: è Roger Schimdt il nuovo allenatore

Il Francoforte è dominante, e dopo diverse interessanti iniziative va vicinissima al vantaggio con Knauff, che da pochi passi costringe McGregor ad un grande intervento. Al 25′ rispondono gli scozzesi con Joe Aribo, che pennella uno splendido sinistro che sorvola di poco l’incrocio dei pali. Con il passare dei minuti, i ragazzi di Van Bronckhorst tentano di uscire dalla pressione tedesca, giocando prevalentemente sulle fasce e sfruttando la forza fisica in grado di portare nell’area avversaria. Gli ultimi dieci minuti della prima frazione sono caratterizzati dall’equilibrio, nonostante i tentativi e gli spunti da ambo le parti non manchino. Termina 0-0 il primo tempo un primo tempo intenso e battagliato.

Eintracht Rangers
(Photo by Justin Setterfield/Getty Images)

Nella ripresa è l’Eintracht a ripartire nuovamente con aggressività e propensione offensiva, generando due ottime opportunità fra il 46′ e il 50′. Cinque minuti più tardi arriva anche un’importante occasione per i Rangers, con una conclusione di Kent che si spegne di pochissimo sul fondo. Dopo pochissimi giri di lancetta arriva, a sopresa, il vantaggio degli scozzesi con Joe Aribo, che trafigge Trapp in seguito ad un errore dei tedeschi in fase di disimpegno. Il match diventa sempre più incandescente con il passare dei minuti, e il nervosismo cresce, portando intensità e vulcanicità alla partita.

L’Eintracht non abbandona l’atteggiamento offensivo e si getta in avanti con discreta frequenza. sfiorando il pareggio con Kamada al minuto 66′. L’occasione del giapponese è solo il preludio al pareggio dei tedeschi, che arriva pochi minuti più tardi con Borre, bravo a ad avventarsi su una palla di Kostic dalla sinistra. Il match vive dei minuti di quiete in seguito al gol degli uomini di Glasner, ma negli ultimi dieci minuti abbiamo gli ultimi lampi dei match, che si conclude sull’1-1 e porta le due squadre ai tempi supplementari.

La cronaca dei tempi supplementari

I tempi supplementari sono caratterizzati da una fisiologica stanchezza da parte delle due squadre, che nei primi 90′ hanno speso tantissimo in termini di energie fisiche. Il copione del match si mantiene sempre uguale, con l’Eintracht più propenso ad attaccare e i Rangers più inclini ad attendere e ripartire. Il calo fisico ha notevolmente abbassato anche la lucidità dei giocatori, e le azioni realmente pericolose diventano sempre più rarefatte.

(Photo by Justin Setterfield/Getty Images)

Nel secondo tempo supplementare i Rangers provano a prendere campo e a imporsi fisicamente sugli avversari, ma le forze vengono meno e nessuna delle due compagini riesce più a creare, se non con qualche tiro da fuori. A pochi minuti dalla fine arriva una clamorosa occasione per gli scozzesi con Kent, che da due passi spara su Trapp e vanifica una ghiottissima opportunità. Il match non ha più nulla da raccontare, e si deciderà ai calci di rigore.

I calci di rigore

Rangers

Tavernier – gol
Davies – gol
Arfield – gol
Ramsey – errore
Roofe – gol

Eintracht

Lenz – gol
Hrustic – gol
Kamada – gol
Kostic – gol
Borre – gol

L’Eintracht Francoforte vince il secondo titolo internazionale della sua storia, in seguito al successo ottenuto nel 1980 contro il Borussia Mon’Gladbach in Coppa Uefa.