Connect with us

Altro Italia

Euro 2032, Abodi: “Dovremo scegliere due città per gli Europei”

Published

on

abodi

Andrea Abodi, Ministro per lo Sport, ha rilasciato alcune dichiarazioni soffermandosi sulle infrastrutture per gli Europei di calcio del 2032.

Intervenuto dal palco dell’RCS Sport Industry Talk in corso a Milano, Andrea Abodi, Ministro per lo Sport, ha parlato di varie tematiche, fra cui le infrastrutture per gli Europei 2032: “Quello che manca è la capacità di trasformare le necessità in progetti che si realizzano. Milano-Cortina ha avuto un passo lento, più amatoriale che olimpico e paralimpico. Per gli europei noto con piacere che stanno decollando i progetti di Firenze, Bologna, Cagliari e Parma: sta andando avanti quello di Bergamo, si svilupperà il progetto a Verona. Il governo farà la sua parte, non tanto a livello economico dato che si parla di gestioni private, ma di velocità nei progetti“.

Parliamoci chiaro: ci saranno Roma, Milano e Torino. Per gli Europei dovremo scegliere una tra Udine, Bologna, Firenze, Verona e Genova e una tra Napoli, Palermo, Bari e Cagliari. Non sarà semplice, ma mi auguro che riusciremo a semplificare. Ho parlato di commissariamento, ma non è questo il punto: il capitale necessario è quello di volontà”.

Euro 2032, Abodi: “Il sistema deve essere alleggerito”

abodi e gravina

(Photo by Getty Images)

Continua Abodi sul lavoro alla riforma di Gravina: “Mi auguro che abbia il sopravvento il senso di responsabilità, c’è bisogno che il sistema venga alleggerito. È impensabile che il campionato di A sia a 20, quello di B a 20 e quello di C a 60. Ma non è solo questione di numeri: ci sono realtà che non pagano e restano in categoria, società che pagano e rischiano di scendere. Il calcio è utile anche per la mutualità, è un contribuente significativo in termini di fiscalità, che consente allo Stato di reinvestire. È un obiettivo come quello di far funzionare la macchina, e il tema delle infrastrutture è centrale. È arrivato il momento di migliorare le norme, renderle più efficaci. Ognuno deve fare la sua parte“.