Inter-Roma, Marotta: “Dobbiamo vincerle tutte, gli avversari sono agguerriti”

L'amministratore delegato dell'Inter, Giuseppe Marotta, ha parlato nel pre-partita del match contro la Roma, in programma alle 18:00.

23/04/2022

17:46

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

L’AD dell’Inter, Giuseppe Marotta, ha parlato ai microfoni di Dazn nel pre-partita del match contro la Roma, in programma questo pomeriggio alle 18:00. Ecco le sue dichiarazioni.

La strategia comunicativa può avere importanza? “La comunicazione è un’arma a disposizione di società ed allenatore per mandare messaggi all’esterno e all’interno. E’ normale che la comunicazione accanto alla pressione che ne deriva sono componenti fondamentali. Quando si vuol vincere deve esserci pressione, altrimenti c’è rilassamento e non vengono raggiunti gli obiettivi”.

Settimana decisiva per il campionato? “Con la partita di oggi e le cinque che rimangono sono 18 punti a disposizione, non sono pochi. Dobbiamo vincerle tutte quante, gli avversari sono agguerriti. Quello di oggi non è un’esame, ma un’occasione per confermare il fatto che è ritornata l’abitudine alla vittoria. Dobbiamo essere tutti bravi insieme a gestire la situazione”.

Rosa competitiva? “Parliamo di una rosa forte, cresciuta nel tempo. Tanti rappresentanti di questa rosa, quasi la totalità, vengono da un percorso con la maglia dell’Inter in crescita grazie al lavoro dei rispettivi allenatori e della società. Indossano una maglia prestigiosa, lottare per traguardi ambiziosi non deve essere sintomo di paura ma di orgoglio.

Io mi opposi al ritorno di Mourinho? Quando abbiamo scelto Conte lo abbiamo fatto e punto. Mourinho era accasato, andammo dritti su di lui perché pensavamo fosse quello giusto e lo ha dimostrato. Non sminuisce Mourinho che fanno bene i tifosi a ricordarlo bene”.