Connect with us

Serie A

Inter-Udinese, Cioffi: “Samardzic? Sono convinto che farà una grande partita”

Published

on

Cioffi Inter Udinese

Il tecnico dell’Udinese Gabriele Cioffi è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Inter-Udinese, che si giocherà allo Stadio San Siro domani alle 20:45. Di seguito, le dichiarazioni dell’allenatore dei bianconeri:

Cioffi Inter Udinese

Lazar Samardzic, mezzala dell’Udinese vicinissima all’Inter in estate (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Cioffi pre Inter-Udinese: “L’Inter può sfruttare anche la minima imperfezione”

LA PARTITA CONTRO IL VERONA: “Per due giorni non abbiamo fatto analisi perché dovevamo ripulirci dalle scorie, poi siamo andati a lavorare avendo cura del dettaglio nel dettaglio. Ci sono volutamente passato sopra, ma senza lasciare da parte l’accaduto, è stato un pareggio doloroso, ma abbiamo ripreso il nostro solito entusiasmo nel lavoro settimanale“.

LE CONDIZIONI DI SUCCESS: “Fra un paio di ore ci alleneremo e proveremo le condizioni di Success. E’ bene che io nelle scelte venga messo in difficoltà, vuol dire che ci siamo tutti“.

SU LUCCA: “Ho dimostrato che lanciare i giovani non mi spaventa e questo è un punto a favore di Lucca. Io vado d’istinto, Lorenzo ha fatto vedere cose straordinarie, ha un talento innato importante, deve imparare ancora tanto, ha dato una risposta importante con l’atteggiamento mostrato contro il Verona. Sembra facile entrare cinque minuti dopo il fischio d’inizio, ma non è mai semplice. Ha battuto presente come fatto contro il Monza, contro il Milan mi era piaciuto un po’ meno quindi era un test importante per lui e ha risposto molto bene“.

DIFESA A QUATTRO VISTO L’INFORTUNIO DI BIJOL?: “Andrei contro 30 anni di storia, non mi prendo una responsabilità del genere. Masina arriva da un infortunio lungo, non l’ho visto bene non per atteggiamento, perché è un elemento importante in spogliatoio e ci mette sempre il piglio giusto, ma l’ho visto indietro. Nelle ultime due settimane sta andando molto forte, non lo vedo più come quinto ma come braccetto, l’atteggiamento c’è, il lavoro anche, ora spetta al destino decidere quando potrebbe essere il suo momento“.

COSA SI ASPETTA DAGLI ATTACCANTI?: “Mi aspetto sacrificio, mentalità da difensori e gioco da attaccanti, altrimenti non faremo punti a San Siro. Mi aspetto capacità di leggere cosa serve in un dato momento della partita, anche giocando alla perfezione mi aspetto che l’Inter sappia sfruttare la minima imperfezione. Basta un passaggio che salta la linea d’aggressione o che ti fanno girare dall’altra parte, quindi bisognerà correre tanto. Non si andrà lì sapendo che le prendiamo, ma dovremo avere la sana paura di non prenderle e che ti tiene l’adrenalina alta“.

PEREYRA STA BENE?: “L’ultima volta con Pereyra non fu pretattica, il Tucu settimana scorsa non si è mai allenato, però mi ha detto che voleva giocare e l’ho messo in formazione, perché ti cambia l’umore della squadra un giocatore con lui, senza demeriti per i sostituti, perchè chi gioca al suo posto ha fatto buone prestazioni.

SU LOVRIC: “Lovric con me si è sempre allenato forte, non accettando la condizione di giocatore in panchina mostrando lavoro in settimana. Ad oggi mi ha dimostrato di meritarsi una maglia da titolare come intensità di allenamento e in partita quando subentrato, se dovesse capitare l’occasione di scendere in campo potrà dimostrare di meritarsi in futuro la maglia da titolare.

SAMARDZIC SENTE LA GARA?: “Per Samardzic devono essere tutte partite importanti, non solo questa, sono convinto che farà una grande partita“.

SULLA MANCATA CONVOCAZIONE DI PAFUNDI: “Scelta tecnica“.