Juve, Correa è la ciliegina sulla torta

26/09/2020

08:15

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

Lazio, Correa

La notizia circola negli ambienti romani da qualche giorno. Una big è piombata con forza sul Tucu Correa, uno dei quattro tenori di mister Inzaghi. Ieri sera, il mistero si è fatto meno fitto: a volere il fantasista argentino classe 1994 è la Juventus, su precisa indicazione del suo allenatore, Andrea Pirlo.

La prima proposta, a quanto pare, è già arrivata sul tavolo di Lotito e Tare, ed è di quelle da far tremare i polsi. 50 milioni di euro, ma non subito, al termine di un prestito biennale. Dettaglio non da poco, nell’ottica del presidente laziale. Che è abituato a ragionare in tutti altri termini. Nonostante la clausola rescissoria fissata a 80 milioni di euro, il prezzo potrebbe essere quello giusto. La formula, però, rischia di far naufragare la trattativa ancora prima che entri nel vivo.

C’è poi un problema di tempistiche. Mancano 9 giorni alla chiusura del mercato, di una sessione particolarmente difficile. Sia per la Lazio che per la Juventus chiudere un’operazione del genere in così poco tempo non sembra scontato. Senza considerare poi la necessità di sostituire un giocatore chiave nello scacchiere tattico dei capitolini.

La scorsa stagione, la migliore in carriera, il Tucu ha chiuso con 9 reti in 30 presenze in Campionato, e statistiche da top ten sia per i dribbling riusciti che per le occasioni da gol create. Arrivato due estati fa dal Siviglia per 16 milioni di euro, Correa garantirebbe una plusvalenza notevole a bilancio. Ed è anche vero che tra i big è forse l’unico sacrificabile. Il contratto è in scadenza nel 2024, e sembra che Paratici abbia già trovato un accordo con l’agente dell’argentino, Alessandro Lucci, sulla base di un quinquennale da 3,5 milioni di euro a stagione.

Sponda Lazio, pensare, dopo le telenovela Muriqi e Fares, la delusione Kumbulla e la beffa David Silva, di chiudere per un sostituto all’altezza in tempi così brevi è davvero difficile. E i nomi che circolano, da Draxler a Mata, passando per lo svincolato Callejon, non scaldano un ambiente già sul piede di guerra. A meno che, non sia una forzatura, un po’ come successo con Acerbi qualche settimana fa, per battere cassa.

comunque sia, i conti si fanno alla fine, ma la sensazione, e la paura, è che la Lazio stia perdendo l’ennesima occasione per il definitivo salto di qualità. Intanto, le visite mediche di Wesley Hoedt, cavallo di ritorno low cost per la difesa, previste per stamattina, sono saltate. I prossimi saranno giorni caldi dalle parti di Formello. Simone Inzaghi aspetta ancora l’ufficialità di Fares, un difensore e, magari una ciliegina sulla torta. Sperando di non perdere il Tucu.

Correlati

08:30

28/06/2022

Il 28 giugno del 2012 l’Italia di Cesare Prandelli sconfigge la Germania per 2-1 e stacca il biglietto per la finale del...

Il 28 giugno del 2012 l’Italia di Cesare Prandelli sconfigge la Germania per...

08:30

28/06/2022

07:30

28/06/2022

Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta in prima pagina nei giornali sportivi esteri di...

Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta in...

07:30

28/06/2022

Calciomercato

Il Monza è alla ricerca dei rinforzi giusti per onorare la sua prima volta in Serie A nella prossima stagione e certamente i...

Il Monza è alla ricerca dei rinforzi giusti per onorare la sua prima volta in Serie...

06:30

28/06/2022

Il Napoli continua a lavorare sul mercato per aumentare la competitività della rosa allenata da Luciano Spalletti. Giungono...

Il Napoli continua a lavorare sul mercato per aumentare la competitività della rosa...

23:30

27/06/2022