La Lega di Serie di A contro la FIGC: “Squadre iscritte, non vogliamo dialogo”

E' sempre più scontro fra la Lega di Serie A e la FIGC. Questa volta sul tavolo della discussione il tema dei principi per l'iscrizione ai prossimi campionati.

15/06/2022

18:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by TIZIANA FABI, Onefootball.com)

Alto giro, altro scontro fra Lega di Serie A e FIGC. Stavolta a finire nell’occhio del ciclone è stato per l’inserimento dell’indice di liquidità retroattivo come criterio per l’iscrizione ai prossimi campionati. La FIGC ha vinto il ricorso Collegio di Garanzia del Coni per l’inserimento di tale criterio, ma è seguito un altro contro-ricorso da parte della Lega di A presso il TAR. Sempre la stessa Lega di A havoluto sottolineare con un comunicato la posizione di tutte le squadre che ne fanno parte.

Scontro Lega Serie A-FIGC, il comunicato della Lega di A

Questo il comunicato della Lega di Serie A: “La Lega Serie A è molto stupita per la scelta della FIGC di ricorrere al TAR contro la decisione del massimo organo di giustizia sportiva in merito al sistema di licenze nazionali. Una scelta che dimostra totale indifferenza nei confronti dell’invito giunto da Coni e Governo (oltre che dalla stessa Lega Serie A) di sedersi a un tavolo e trovare una soluzione condivisa, ma che altresì contraddice quanto la stessa FIGC aveva fino a ieri sostenuto, ovvero di non appellarsi contro un dispositivo senza attendere la decisione con le relative motivazioni. I presupposti del ricorso della FIGC non si giustificano dal momento che, anche a seguito della decisione del Collegio di Garanzia, non sussistono elementi che mettano in discussione la regolare iscrizione al prossimo campionato di calcio da parte degli aventi diritto.  Evidentemente alimentare un clima di litigiosità a scapito del dialogo è ritenuto più importante, per di più in una fase in cui, è sotto gli occhi di tutti, ben altre sarebbero le priorità su cui concentrarsi tutti insieme per garantire un futuro sostenibile al calcio italiano e, in particolare, alle nostre Nazionali”.

LEGGI ANCHE: Serie A, Signori racconta l’arresto: “Ora giro a testa alta”