Lazio, Lotito: “Questa squadra incarna le ambizioni della società”

Lotito Lazio

(Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images)

Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha scritto un editoriale per Lazio Style Magazine, in cui ha speso parole al miele per la squadra e i tifosi. Il patron biancoceleste si dice orgoglioso della filosofia di gioco e dell’atteggiamento mostrato in campo dai ragazzi di Sarri, in quanto rispecchia le ambizioni del club. Il numero uno del club capitolino ha inoltre elogiato l’operato dei tifosi, non solo in termini di abbonamenti, ma anche per l’affetto mostrato in ogni match. Ecco le sue dichiarazioni, riportate dal Corriere dello Sport.

(Photo by Marco Rosi – SS Lazio/Getty Images)

Lazio, le dichiarazioni di Lotito sulla squadra e i tifosi 

Sull’inizio di stagione
«Cari tifosi biancocelesti, la stagione sportiva 2022-2023 è cominciata in maniera decisamente positiva. La Lazio ha una rosa competitiva, una sua fisionomia di gioco, è coraggiosa, non rinuncia mai ad attaccare e fare la partita… incarna l’ambizione di tutta la società, che sul suo allenatore ha voluto costruire un nuovo progetto. Il patrimonio tecnico è stato molto rafforzato. I nostri migliori calciatori, che le grandi d’Europa vorrebbero, sono rimasti qui. In più, sono arrivati giocatori importanti, giovani ed esperti… Sono soddisfatto dell’importante riscontro in termini di presenze allo stadio, con una campagna abbonamenti che ci ha portato a superare le 26mila presenze fisse nelle partite di casa e anche del bellissimo supporto che viene dato in trasferta. Quando il tifoso laziale c’è, si vede e si sente. E la nostra squadra fa tutto per ripagare questo affetto: lotta su ogni pallone, non si arrende anche di fronte a risultati inaspettati, mostra audacia e determinazione…».

Sui punti di forza della squadra
«Il nostro punto di forza sono le certezze, avere una squadra competitiva, un pubblico splendido, non essere secondi a nessuno…».

Sulla Primavera e il figlio Enrico
«Per entrambe le squadre l’obiettivo è tornare dove meritano. Per questo, ho voluto dare a mio figlio Enrico un ruolo di primo livello nella società, per la gestione di entrambe le compagini e del settore giovanile, sapendo che potrà portare nuova linfa in termini di energia giovane e grande attaccamento ai colori biancocelesti».

Sull’impegno politico
«Un impegno non semplice, non mi distoglierà dalla Lazio. Nelle partite in casa, quando possibile in trasferta, come anche a Formello non mancherà la mia presenza a fianco della squadra, per il successo di questa grande famiglia».