Leeds, pugno duro contro le invasioni di campo dei minorenni

Comunicato importante diramato dal Leeds in merito ai recenti casi di invasione di campo verificatisi durante le gare di casa del club.

07/01/2022

20:40

• Tempo di lettura: 1 minuto

Tempo di lettura: 1 minuto

(Photo by George Wood/Getty Images)

Attraverso una nota ufficiale il Leeds regolarizza ancora una volta il comportamento dei propri tifosi. Il club inglese ricorda che l’invasione di campo non è garantita in nessun modo ed è a tutti gli effetti un reato penale. La società intende procedere senza alcuna tolleranza contro coloro i quali dovessero, in qualche modo, mettere a repentaglio la salute dei calciatori. Un messaggio chiaro, che intende mettere fine a una serie di episodi verificatisi in tempi recenti.

Molti i giovani tifosi impegnati a invadere il prato di Elland Road durante le partite di casa. Qualora dovessero nuovamente verificarsi tali episodi il Leeds procederà con l’allontanamento dalla struttura per circa un anno. Un provvedimento da applicare non soltanto agli stessi minori, ma anche ad eventuali genitori o tutori.

LEGGI ANCHE: Leicester City, tegola Vardy. L’attaccante fuori 2 mesi per infortunio

La nota del club continua rimarcando l’affetto e il calore dei tifosi del Leeds, i quali però devono perseguire dei criteri volti alla sicurezza di giocatori e tesserati. Un aspetto, come sottolineato, prioritario per la società.