Lokomotiv-Lazio, Sarri: “Immobile? Sta piuttosto bene, non sente dolore”

Le dichiarazioni dell'allenatore della Lazio, Maurizio Sarri, prima del match di Europa League contro il Lokomotiv Mosca.

24/11/2021

13:06

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Il tecnico della Lazio, Maurizio Sarri, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di Europa League contro la Lokomotiv Mosca, in programma domani alle 18:45 alla RŽD Arena.

Che partita sarà? Dopo il cambio di allenatore stanno facendo delle prestazioni di livello superiore. Le premesse sono di una partita difficile: noi dobbiamo passare per questo match per qualificarci, loro invece per sperare nei playoff. Non sarà semplice, sarà piuttosto aperta perché entrambe abbiamo bisogno di punti. Sarà molto più difficile dell’andata.

LEGGI ANCHE: Ternana, Palumbo e Defendi positivi al Coronavirus

Non dobbiamo fare calcoli, dobbiamo pensare partita per partita. Altrimenti tutto si ingarbuglia e diventa difficile se  pensi che dopo 72 ore devi fare un’altra trasferta a Napoli. Non mi piace essere troppo condizionato, altrimenti rischi di condizionarle tutte e due.

Stanchezza? Per i giocatori che giocano tanto dipende dalla condizione. Il minutaggio da tenere in considerazione è quello globale, anche in Coppa e nazionale. Finché non danno segnali di cedimento vanno bene così, come Acerbi che gioca sempre.

Immobile? Sta piuttosto bene, ha fatto il primo e secondo allenamento dove non aveva sofferenza, sentendo solo diverse sensazioni tra un polpaccio ed un altro, ma ora anche lì è scomparso.

Zaccagni? Non è in condizione fisica. E’ passato tra alcune problematiche e quindi dovrà essere valutato quando starà meglio. Ora sembra che faccia il compitino perché evidentemente non se la sente a fare di più.

Europa League da abbandonare? Ho detto che è una problematica perché andare in giro per l’Europa ogni 72 ore lo è. Ma non solo per noi, anche per tutte le altre squadre che partecipano. Ma ho anche detto che andremo lì e ce la giocheremo, come giusto che sia. Non possiamo pensare di andare in giro e poi non arrivare alla qualificazione. Se mi chiedi se l’Europa fatta così non sia un problema, ti dico che lo è. Se giocassi il lunedì in campionato allora non ci sarebbero, ma i calendari messi così sono difficili e portano ad un deterioramento delle qualità delle partite. Mi meraviglio che l’associazione dei calciatori non lotti per queste problematiche, mentre lo ha fatto per una settimana in più di vacanza a Natale.

Chi sottovaluta il nostro girone di Europa League è folle. Il problema non è solo in Coppa, ma nel rendimento delle partite in casa ed in trasferta. Non mi è mai capitato prima, è qualcosa da migliorare.

Differenza di un giorno tra la partita di EL del Napoli rispetto alla Lazio? Un giorno su tre è tanta roba, ma il calendario è questo. Il Lokomotiv che affronterà loro ha un ranking più alto, quindi gioca prima. Ma ora pensiamo a domani, poi a domenica prossima.

Lucas Leiva? Non posso rispondere su chi gioca domani. Non per mancanza di rispetto verso i giornalisti, ma verso i calciatori che devono sapere da me la formazione. Ha avuto un po’ di scadimento fisico, ma è normale.