Milan, Giroud: “Capelli, fede e parastinchi. Vi racconto la mia vita”

02/05/2022

20:40

• Tempo di lettura: 4 minuti

Tempo di lettura: 4 minuti

(Photo by VINCENZO PINTO/AFP via Getty Images)

Olivier Giroud, attaccante francese del Milan, ha raccontato alcuni aneddoti della sua vita a GQ Italia. Di seguito le sue parole.

Milan, Giroud racconta la sua vita

Giroud vita
(Photo by TIZIANA FABI, Onefootball.com)

Sulla cura dei capelli: “I miei compagni di squadra mi prendono sempre in giro perché quando gioco ho sempre i capelli in ordine. Anche dopo la partita loro vogliono sapere come è possibile. Il segreto è un colpo di spazzola sui capelli un po’ bagnati, poi un po’ di cera e dopo, per fissarli, metto un po’ di lacca. Qualche volta quando faccio troppi colpi di testa non rimangono perfetti, ma va bene lo stesso“.

LEGGI ANCHE: Ufficiale, Salernitana-Venezia si gioca: respinto il ricorso dei veneti

Sulla sua fede:Mi aiuta tanto tutti i giorni per andare avanti, essere positivo. La vita di Gesù mi aiuta tanto. Ho capito che ha tanta umiltà, provo a fare lo stesso tutti i giorni, parlando alla mia famiglia della Bibbia per aiutarli nella vita. È molto importante per me, è una cosa che fa parte del mio cuore e della mia vita“.

Sui parastinchi personalizzati: “Sono un po’ speciali perché ho tutta la mia famiglia: i nomi di mia moglie e dei miei figli, il mio numero e la fotografia di tutti. È una cosa che mi piace tanto, quando metto i parastinchi prima della partita, vedere le facce dei miei figli. Mi dà più motivazione, penso sempre a loro: mi danno la forza“.

Il tiramisù: “Lo mangio sempre quando vado al ristorante, la prima cosa che provo è vedere sul menù se lo fanno. Mi piace finire una buona cena con un buon tiramisù. Mia nonna lo faceva molto bene, mi piace tanto quando c’è tanto caffè, mentre non mi piace l’alcool. È una cosa che mi fa pensare alla mia famiglia, a mia nonna, a mia moglie. Mi ricorda che sono un po’ italiano nelle mie origini. Savoiardi o pavesini? Preferisco il biscotto savoiardo perché sono di Savoia. Assorbe tanto il caffè, per me la sensazione è davvero bella“.

Le lenti a contatto:Metto le lenti dal 2011. È una cosa divertente, lo dico oggi per la prima volta davanti alle telecamere. Nella prima stagione con il Montpellier non avevo le lenti. Quando i miei amici e la mia famiglia mi hanno visto in tv mentre strizzavo gli occhi, mi hanno detto che c’era un problema. Quindi nella seconda stagione sono andato dall’oculista, che mi ha chiesto come fosse possibile che facessi gol con i miei occhi (ride, ndr). Mi ha detto di portare le lenti. È divertente perché nella seconda stagione abbiamo vinto il campionato e sono stato capocannoniere grazie all’oculista“.

Le scarpe da calcio: “Il mio oggetto di lavoro. Mi piacciono tanto queste scarpe, sono molto belle, leggere e comode. La taglia è 10 e mezzo (44 con il metro europeo, ndr), ci sono tutti i nomi dei miei figli e anche la bandiera della Francia. Le scarpe da allenamento magari si allargano un po’ troppo, quindi in partita preferisco usarne di nuove“.

Il caffè: “Alla mattina ho bisogno di un paio di caffè per svegliarmi, è vero che in Italia lo facciamo bene: mi piace tanto, sarà anche per questo che mi piace tanto il tiramisù. Quanti ne bevo al giorno? Tre o quattro caffè al giorno, non posso stare senza”.

L’orologio: Un’altra cosa che mi piace tanto è collezionare orologi. Mi piacciono diverse marche, per me è anche un investimento. La mattina quando mi vesto se non ho l’orologio non mi sento bene, come se mi mancasse un pezzo. Mi piace tanto e ho bisogno di avere una cosa sul braccio, sono perso quando non ho l’orologio“.

Le chiavi della macchina:Queste chiavi sono sempre con me. Sono un grande appassionato di macchine sportive. Quando ero piccolo mio padre aveva belle macchine. Mi piace tanto anche il rombo del motore. Posso avere la stessa sensazione di quando gioco a calcio, una grande adrenalina. Non vado troppo veloce ma quando posso provo tanto piacere nel guidare la macchina. Ne ho diverse, ma qui al Milan, visto che abbiamo lo sponsor BMW, guido una bella m8. Mi piace“.

Il pallone:Questa è tutta la mia vita, da quando ero piccolo era la cosa che avevo sempre con me. Dopo la scuola giocavo in casa, contro il muro, contro la porta: ho sempre calciato. Mi ricordo che i miei genitori non erano molto felici, ho fatto qualche casino in casa. Era sempre con me, ma anche oggi. In casa ho sempre una palla, anche i miei bambini tutte le sere fanno una partita a casa. Dopo l’allenamento devo giocare ancora con loro, è tutta la mia vita“.

Correlati

19:37

02/05/2022

La 34ªgiornata di Liga incorona il Real Madrid Campione di Spagna e i Blancos possono festeggiare con quattro giornate di...

La 34ªgiornata di Liga incorona il Real Madrid Campione di Spagna e i Blancos...

19:37

02/05/2022

18:30

02/05/2022

Secondo quanto riportato da ESPN, il torneo estivo che avrebbe dovuto disputarsi negli Stati Uniti (precisamente Las Vegas) e ...

Secondo quanto riportato da ESPN, il torneo estivo che avrebbe dovuto disputarsi...

18:30

02/05/2022

Serie A

23:40

15/05/2022

Nel 2007 il grande ritorno in Serie A al fianco di Napoli e Juventus. Poi 15 anni nella massima serie che si sono infranti in...

Nel 2007 il grande ritorno in Serie A al fianco di Napoli e Juventus. Poi 15 anni...

23:40

15/05/2022

23:11

15/05/2022

Al termine della sconfitta per 1-3 contro l’Inter, il tecnico del Cagliari, Alessandro Agostini, ha parlato ai microfoni di...

Al termine della sconfitta per 1-3 contro l’Inter, il tecnico del Cagliari,...

23:11

15/05/2022